Tutte 728×90
Tutte 728×90

Al Rotary si discute del rapporto tra pubblica amministrazione e cittadino

Al Rotary si discute del rapporto tra pubblica amministrazione e cittadino

Diversi gli interventi nel corso della serata, tra cui quello dell’avvocato Achille Morcavallo che ha sottolineato come si vada verso un rapporto paritario tra le parti.

«Una vera e propria rivoluzione copernicana. Si passa da un rapporto unilaterale ad un rapporto paritario tra la Pubblica Amministrazione ed il cittadino». Si può così sintetizzare l’intervento dell’avvocato Achille Morcavallo, relatore dell’incontro organizzato dal Rotary Club Cosenza sul tema: “Cittadini e Pubblica Amministrazione: dialogo e strumenti di tutela”.

Nell’aprire i lavori della serata, il Presidente del Rotary Club Cosenza, Roberto Barbarossa, ha sottolineato la volontà del club di voler «essere soggetto attivo del dibattito culturale, attraverso momenti di informazione e confronto con la città dai quali, grazie alle professionalità dei singoli soci, il club possa partire per elaborare proposte concrete da offrire ai principali attori della vita amministrativa, sociale ed economica del territorio».

La relazione dell’avvocato Morcavallo, è partita dalle origini storiche della Legge 241/90. «Si parte nel novecento, il secolo del cambiamento, nel quale è stato profondamente messo in discussione il rapporto tra la P.A. ed il cittadino. Una riforma che facilita il dialogo tra le parti e che ha, quale fine ultimo, la creazione di un’amministrazione condivisa alla cui vita, il cittadino, può partecipare in maniera attiva tramite istanze che vanno a tutelare particolari interessi di importanza rilevante come, ad esempio, l’ambiente. L’Amministrazione come un vero e proprio “castello di vetro”; basti pensare al diritto di accesso agli atti amministrativi quale diritto riconosciuto al cittadino. Altro elemento caratterizzante la riforma, è la creazione del Responsabile del Procedimento Amministrativo, quindi una persona specifica alla quale, il cittadino, l’impresa, possono rivolgersi con evidenti guadagni in termini di tempi e di fluidità della procedura».

Il dibattito, al quale hanno partecipato tra gli altri il consigliere comunale di Cosenza, Bianca Rende, il Sindaco di S. Vincenzo la Costa, Gregorio Iannotta ed il PDG del Rotary, Piero Niccoli, ha ulteriormente arricchito la serata, dando la possibilità all’avvocato Morcavallo, di chiarire altri aspetti come, ad esempio «la figura importante del Giudice amministrativo che rappresenta l’unico baluardo nei confronti dell’Amministrazione e delle sue decisioni. Tra l’altro, contrariamente a quanto si possa pensare, i procedimenti amministrativi hanno tempi brevissimi, stabiliti dal codice civile favoriti, anche, dal fatto che non vi è carenza di giudici ed il numero di procedimenti è di gran lunga inferiore rispetto a quelli della magistratura ordinaria. Per questo motivo, non credo che si possa parlare come spesso si fa, della giustizia amministrativa come freno della nostra economia ma, al contrario, è giusto vederla come uno strumento efficace, a tutela dei cittadini».

Soddisfazione è stata infine espressa dall’Assistente del Governatore, l’ing. Dino De Marco il quale, congratulandosi con il relatore ed il club per i contenuti dell’incontro, ha evidenziato come «il Rotary deve essere, oggi più che mai, in grado di proporsi concretamente sul territorio facendo leva, come in quest’occasione, delle sue professionalità».

Related posts