Cosenza Calcio

Braglia: «Il Cosenza cambierà gioco. Torneremo a quello che vi ha portato quinti e ai playoff»

Braglia, nuovo allenatore del Cosenza, sottolinea: «Secondo me le squadre si vedono nelle partite, non negli allenamenti. Sono convinto che se i ragazzi toglieranno fuori voglia e rabbia, potremo fare molto bene».

Il Cosenza riparte da Piero Braglia, giunto in successione a Gaetano Fontana dopo l’ennesimo tonfo di Siracusa. La società, dopo aver sondato vari profili, ha virato sulla figura dell’allenatore, in passato sotto le dipendenze di Alessandria e Lecce. Braglia rivede Trinchera, con il quale ha lavorato nella stagione 2015/2016 a Lecce (di quell’annata la vittoria al Marulla per 4-3 contro il Cosenza di Roselli). Per il nuovo tecnico immediato impegno di cartello, domani contro il Catania. D’altronde il profilo del mister toscano è arcinoto: perentorio, deciso, pragmatico, esperto di promozioni per la cadetteria. Una persona diretta, che a volte risulta, come da lui stesso affermato, una persona antipatica proprio per il suo modo di lavorare.

«Sono convinto che il Cosenza sia una squadra che possa fare del bene. Cercheremo di portarla fuori da queste acque. Occorre lavorare, stare zitti, senza illudere nessuno. E’ una squadra che non merita il penultimo posto» sono le primissime affermazioni del tecnico in rossoblù. Poi, a ruota, sentenzia: «I calciatori devono prendersi delle responsabilità. Questo è un andazzo che non può continuare. Altrimenti è inutile parlare». Braglia, infatti, manda un forte monito al suo gruppo squadra: «Secondo me le squadre si vedono nelle partite, non negli allenamenti. Sono convinto che se i ragazzi toglieranno fuori voglia e rabbia, potremo fare molto bene. I ragazzi non devono stare a testa basta, come ho visto nelle immagini. Il calcio è agonismo, aggressività, stare in campo. Qui non sono venuto per perdere, anzi, non mi piace proprio perdere. Lo spogliatoio? Mi sembrano bravi calciatori, ma sono qui da due giorni nei quali ho già apportato delle modifiche da apportare immediatamente».

Nella filosofia di gioco del tecnico è presente la difesa a 3, che dal diretto interessato non viene smentita: «è una soluzione possibile». Poi per quanto riguarda la novità del campionato, i 5 cambi, Braglia soppesa pro e contro: «5 sono tanti, può essere sia positivo che negativo. 5 persone sono determinanti, occorrerà avere molta intelligenza. Per adesso andiamo avanti come si giocava qualche anno fa ed io voglio riportarmi in quel solco. Rivedrete squadra arrivata quinta e ai playoff di lega pro». Braglia, comunque, manifesta la sua toscanità con ironia: «Perché non sono venuto a luglio? A luglio non mi hanno chiamato, anzi a qualcuno come Trinchera aveva perso il mio numero». Infine, non si tira indietro di fronte al difficile impegno contro gli etnei: «Meglio giocare contro le squadre forti. Ho più stimoli. Nessuno deve pensare che al Marulla si vince facile». (Giulio Cava)

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina