Tutte 728×90
Tutte 728×90

Morcavallo: «Serve un protocollo tra comune e Questura per la movida in centro»

Morcavallo: «Serve un protocollo tra comune e Questura per la movida in centro»

Così il consigliere comunale Enrico Morcavallo sulla movida di Santa Teresa: «Solo con un piano strategico di collaborazione istituzionale si potrà porre fine alla vicenda, che potrebbe avere ripercussioni anche su altri quartieri cittadini».

Tiene ancora banco l’argomento relativo alla movida cosentina nel quartiere di Santa Teresa. A tal proposito interviene il consigliere comunale di minoranza Enrico Morcavallo. «Ormai da tempo – scrive in una nota – molte persone mi segnalano un problema, di non facile risoluzione, che affligge uno dei quartieri centrali della nostra città; la commistione tra la movida, che si crea durante il weekend nella zona antistante la chiesa di Santa Teresa, ed i molteplici residenti della zona. Gli abitanti del quartiere, infatti, lamentano il disturbo della quiete pubblica e il non rispetto delle regole, da parte di tutti coloro che, tra venerdì e sabato sera, frequentano l’ormai famoso quartiere notturno. Tutto questo trambusto, certamente non giova agli imprenditori, gestori e proprietari dei locali notturni, i quali hanno investito nell’imprenditoria locale, destinando non poche risorse economiche. Tale questione è seriamente spinosa, merita una soluzione efficiente e non drastica, che porti sia i residenti che gli imprenditori della zona a raggiungere il giusto equilibrio».

«Va anche sottolineato che, per moltissimi anni, la zona di Santa Teresa è stata quasi completamente abbandonata e che la nascita dei locali ha ridato vita al quartiere attirando tanti giovani, che prima frequentavano solo i locali della città di Rende; ma non solo, tutte queste attività danno anche lavoro a molte persone ragion per cui ci potrebbe essere un risvolto positivo per la precaria economia della nostra città – continua Morcavallo – I residenti, d’altra parte, hanno anche ragione a lamentarsi quando c’è un eccessivo schiamazzo oppure se si verificano situazioni incresciose come risse, liti tra gli avventori della zona, o qualsivoglia atto deplorevole. Molto spesso però, sono proprio coloro i quali frequentano i locali di Santa Teresa a non rispettare le regole del vivere civile».

«Allo stato – conclude nel suo intervento Morcavallo – bisogna sicuramente risolvere l’atavico problema attuando un protocollo d’intesa tra il Comune e la Questura, volto alla tutela dei diritti ed alla garanzia del rispetto dei doveri. Solo con un piano strategico di collaborazione istituzionale si potrà porre fine alla vicenda, che potrebbe avere ripercussioni anche su altri quartieri cittadini. Infine ricordo, anche a me stesso, che tutti noi dovremmo impegnarci nel quotidiano al rispetto delle regole, non solo di tipo normativo, ma soprattutto di tipo etico e morale, osservando, altresì, con deferenza l’ambiente ed il prossimo; poiché facciamo tutti parte della stessa comunità».

Related posts