Tutte 728×90
Tutte 728×90

Carta dei figli di genitori detenuti, gli impegni dell’osservatorio carcere della Camera Penale di Cosenza

Carta dei figli di genitori detenuti, gli impegni dell’osservatorio carcere della Camera Penale di Cosenza

L’Osservatorio Carcere della Camera Penale di Cosenza “Avvocato Fausto Gullo” ha preso parte al “I Workshop nazionale Protocollo – Carta dei figli di genitori detenuti. Dalla teoria alla pratica dei diritti” organizzato dall’Associazione “Bambinisenzasbarre ONLUS” tenutosi  presso il PRAP Lombardia a Milano, con la partecipazione dell’avvocato Chiara Penna e l’avvocato Maria Gabriella Cavallo per delega della Responsabile e del Coordinatore dell’Osservatorio Carcere con gli avvocati Valentina Spizzirri e Giovanni Cadavero.

Il protocollo di intesa firmato a Roma il 6 settembre 2016 (già firmato il 21 marzo 2014 e rinnovato nel 2016) tra il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, l’Associazione BambinisenzasbarreOnlus – nella persona di Lia Sacerdote – e l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza – nella persona di Filomena Albano – ha lo scopo di individuare le linee guida utili a favorire il mantenimento dei rapporti tra i genitori detenuti e i loro figli, salvaguardando sempre l’interesse superiore dei minorenni.

Il Protocollo prevede una serie di disposizioni volte a incentivare la creazione di “spazi bambini” all’interno dei luoghi di detenzione dove i minorenni possano sentirsi accolti e riconosciuti, focalizzando l’attenzione anche sulla necessità di tener conto del luogo di detenzione per garantire un assiduo contatto diretto tra genitori e figli.

Lo scopo del protocollo è altresì quello di introdurre la cultura della formazione specializzata nel personale dell’Amministrazione penitenziaria, per far sì che gli addetti siano in grado di veicolare l’impatto certamente negativo che l’ambiente carcerario determina sui bambini.

L’incontro tenutosi a Milano aveva, dunque, lo scopo di condividere prospettive di lavoro e promuovere la carta dei figli di genitori detenuti a livello nazionale, attraverso il coinvolgimento degli enti territoriali ed il monitoraggio della sua applicazione.

Sul tema sono intervenuti l’Autorità Garante nazionale dell’infanzia, l’Autorità Garante Nazionale dei detenuti, l’Autorità Garante Detenuti Regioni Puglia, Lazio, Comuni di Firenze e Milano e l’Osservatorio Carcere della Camera Penale “Fausto Gullo” di Cosenza.

In particolare, da parte  di quest’ultimo è stato sottolineato l’interesse da sempre manifestato a tali problematiche nonché le finalità del progetto denominato “Arcobaleno” che l’Osservatorio carcere, con avallo del Direttivo della Camera penale “Fausto Gullo” di Cosenza, ha intenzione di realizzare, già da tempo, nel carcere cittadino in linea con le finalità del Protocollo.

Related posts