Cosenza Calcio

Corsi: «Il derby? Cappellacci disegnò le vie di fuga del Marulla in caso di ko…»

Il capitano del Cosenza ha giocato le ultime sei sfide contro il Catanzaro. Per Corsi «il derby è una partita che vale quattro punti e non tre…».

A parlare del derby è Angelo Corsi, il capitano. Il calciatore da più tempo in squadra ha già giocato sei derby e tutti per 90’. Insomma, ormai sa bene come si affronta quella che per la città di Cosenza è la partita più importante dell’anno. «Il primo ricordo che ho è nella stagione 2014-2015, quando facemmo 0-0 in casa e in panchina c’era Cappellacci – racconta dalle colonne del Quotidiano del Sud – Venne nello spogliatoio e disegnò su una lavagna lo stadio San Vito, indicandoci le vie di fuga in caso di sconfitta. Un modo per stemperare gli animi in un momento negativo. All’ingresso in campo ricordo il colpo d’occhio della curva: ancora sento i brividi. Al ritorno, invece, perdemmo per 1-0: ricordo la traversa di Arrigoni. Da quella gara però, con Roselli, ci rialzammo e iniziammo la corsa che ci portò a vincere la Coppa. In mezzo a queste due ci fu proprio la gara di Coppa Italia in cui vincemmo 3-1 al Ceravolo: passammo in svantaggio e poi Calderini diventò imprendibile. Tutto bellissimo».

La stagione successiva, quella 2015-2016, regalò agli sportivi rossoblù due derby amari perché in entrambe le sfide i Lupi avrebbero potuto far loro l’intera posta in palio. «All’andata – continua Corsi – finì 1-1 al Ceravolo. Ci illudemmo con Arrighini, poi rigore inventato per loro che trasformò Razzitti: Arrigoni non fece fallo, ma si avvicinò in maniera veemente all’avversario e l’arbitro ci cascò. Ricordo che eravamo molto solidi, era difficile farci gol, avevamo solo sette gol subiti. Ci siamo andati vicini. Il derby di ritorno è quello che mi fa brucia più di tutti. Noi eravamo in un momento di forma strepitosa, loro invece erano messi un po’ male. Forse l’abbiamo caricata troppo quella gara. Abbiamo fatto una fatica allucinante. Nella ripresa eravamo più liberi, poi entrò La Mantia, segnò e sfiorò il raddoppio. Dovevamo essere più bravi a gestire le emozioni».

L’anno scorso, infine, forse uno dei momenti più belli dei 103 anni di storia del club. «Un’apoteosi, una cosa indescrivibile – conferma Corsi – Si sa che un derby può finire in quel modo, ma nessuno immaginava il 3-0. Loro dopo il primo gol di Caccetta si sono sciolti. Naturalmente quello che vivemmo al ritorno a Cosenza fu un sogno che nessuno potrà mai cancellare. Tutta quella gente ad aspettarci… Anche quella del ritorno si presentava come gara che potevamo fare nostra e invece non andò così. Segnò Statella, pareggiò subito Basrak e poi rischiammo anche molto nel tentativo di vincerla. Queste sono partite in cui le differenze che possono esserci tra le due squadre si riducono al minimo. Viaggia tutto sulla linea dei nervi. Chi riesce a gestire meglio le emozioni la spunta. Negli anni ho imparato che caricare troppo una gara come questa o caricarla poco sono due atteggiamenti sbagliati. Bisogna trovare un equilibrio».

In vista di domenica Corsi non ha dubbi: «Questa partita vale quattro punti non tre. E’ una di quelle partite che possono darti un grande slancio. Dobbiamo gestirla bene. Veniamo da due partite senza prender gol, da sette punti in tre gare. Dobbiamo migliorare. La risalita è lunga e non abbiamo fatto nulla. Loro sono una bella squadra e sarà un’altra bella battaglia sportiva».

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina