Tutte 728×90
Tutte 728×90

Gigliotti, orgoglioso della classifica. «Il Rende sesto è una mina vagante»

Gigliotti, orgoglioso della classifica. «Il Rende sesto è una mina vagante»

Il centrocampista Gigliotti è uno degli elementi con più presenze in squadra: «Dopo le prime 14 giornate le altre compagini guardano il Rende in un altro modo».

«Essere sesti è una prova che dimostra il potenziale di un gruppo che è capace di fare tutto», a dirlo è Denny Gigliotti, un caposaldo del Rende della passata stagione e confermato per quella seguente. Per lui sono 11 le presenze in questo campionato ed una sola la marcatura realizzata (contro l’Akragas).

La vittoria di sabato scorso a Monopoli ha scacciato il pesante tonfo di Trapani e ricollegato la squadra biancorossa al momento magico attuale. Sabato il gruppo di Trocini (che è stato squalificato per un turno, al suo posto ci sarà Massimiliano Ginobili) affronterà il Matera di Gaetano Auteri, a due tiri di schioppo dal club delle Tre Torri. «Noi – continua Gigliotti – butteremo come sempre il sangue in campo per dimostrare il nostro grande momento. Non vogliamo fare previsioni perché è presto. L’obiettivo di sabato è la vittoria. La squadra è una  mina vagante. Dopo queste prime 14 giornate (il Rende ne ha giocate 13 perché ha usufruito del turno di riposo, ndr) le altre compagine ci guardano in un altro modo».

Gigliotti ritroverà Auteri, insieme ai tempi del Catanzaro nel 2009-2010  (6 le presenze per il centrocampista di Cicala). «Ho un grande rispetto del mister. E’ stato lui a buttarmi in prima squadra. Sono contento di rincontrarlo… ma spero di far qualcosa per farlo restare male sabato». (Giulio Cava)

Related posts