Tutte 728×90
Tutte 728×90

Regge il bunker del Rende. Meglio il Cosenza, ma i gol non arrivano (0-0)

Regge il bunker del Rende. Meglio il Cosenza, ma i gol non arrivano (0-0)

I rossoblù fanno di più nel primo tempo e sfiorano il vantaggio con Mungo e Baclet. Nella ripresa caldissimo il recupero: Laaribi e Mendicino per poco non fanno bingo.

Ai punti avrebbe vinto il Cosenza. Almeno per quello che ha fatto nel primo tempo. Il Rende invece ha giocato la sua onesta partita finalizzata a portare a casa un punto prezioso per la già ottima classifica e per mantenere imbattuto il Lorenzon nei derby calabresi. A proposito, è dall’84 che i Lupi non vincono al di là del Campagnano e come tradizione spesso ha voluto, non si è andati oltre lo 0-0.

La partita a scacchi giocata in settimana da Trocini e Braglia si esaurisce con la lettura delle formazioni e con il Cosenza che consegna la distinta solo 40′ prima del fischio d’inizio. L’ex “bimbo de oro” della Primavera del 1914 non si discosta di una virgola dal 3-5-2 e lascia Rossini a supporto di Goretta. A centrocampo c’è Gigliotti. I rossoblù invece cambiano molto, a partire dal modulo. Nel 3-5-2 varato dall’allenatore toscano Mungo si sistema a supporto di Baclet e D’Orazio funge da quinto di centrocampo: Statella va in panchina. Davanti a Perina per la prima volta dal 1′ c’è anche Pasqualoni.

Lo stadio è pieno e come negli anni ’80 la gente è appollaiata perfino sui balconi che sovrastano il Lorenzon. In questo contesto il Rende paga dazio all’emozione e psicologicamente palesa tutto il suo timore reverenziale nei confronti dei più quotati avversari. La partita nel primo tempo la fa il Cosenza che macina azioni su azioni e sfiora il gol in almeno tre occasioni con Mungo e Baclet. A centrocampo Calamai e Palmiero vincono tutti i duelli, a Laaribi non viene dato il tempo di pensare e Godano è costantemente messo in difficoltà da D’Orazio. Blaze prova qualche accelerazione, ma i padroni di casa mettono la testa fuori dall’uscio della propria area di rigore al 38’ con Goretta che calcia fuori su azione di corner. Al break si va con la sensazione che gli ospiti abbiano capito nel dettaglio l’importanza del derby, ma pur sempre sullo 0-0.

Mentre le squadre sono negli spogliatoi si scatena il diluvio, una pioggia torrenziale che accompagnerà le due squadre fino al 90’. Il terreno di gioco, già messo a dura prova dall’acqua caduta in città nei giorni scorsi, è al limite della praticabilità e una serie di zolle si alzano in ogni angolo del prato verde. L’estetica ne risente, le azioni si contano sulle dita di una mano fino all’ultimo dei cinque minuti di recupero. Prima Laaribi fa gridare al gol i fan biancorossi su un piazzato dal limite dell’area. Poi, all’ultimo respiro del match, la premiata ditta Pascali-Mendicino per poco non confeziona un pacco regalo. Dall’altezza dell’area piccola però, è clamoroso l’errore del 9 rossoblù che non centra la porta. (Antonio Clausi)

CRONACA.
1′ Pariti, ha battuto il Cosenza.
7′ La prima occasione è del Cosenza. D’Orazio crossa e Baclet anticipa di testa il diretto avversario. Palla fuori.
10′ Baclet innesca Calamai che entra in area, ma viene chiuso in maniera dubbia da Pambianchi.
19′ Ancora Cosenza. Punizione di Bruccini ribattuta dalla barriera, sugli sviluppi Mungo calcia a lato.
23′ La partita la fa il Cosenza. Mungo vince un contrasto con Sanzone e innesca in area Baclet. Sinistro alle stelle.
25′ Il Cosenza insiste. D’Orazio crossa, Baclet stacca. Stavolta la palla esce di poco, ma la pressione dei rossoblù è costante.
30′ Corsi scodella in area e pesca Mungo, la sforbiciata fa la barba al palo. In campo c’è solo il Cosenza.
38′ Il primo squillo del Rende è al 38′. Angolo di Laaribi, a centro area Goretta colpisce male per fortuna del Cosenza.
41′ Rossini vince un duello con Pasqualoni, Gigliotti è lì e calcia di prima senza inquadrare il bersaglio.
45′ Squadre negli spogliatoi senza recupero
SECONDO TEMPO.
1′ In campo le stesse formazioni dei primi 45′.
9′ Angolo di D’Orazio, Dermaku di testa non inquadra il bersaglio.
14′ Il Cosenza sbaglia un disimpegno con D’Orazio, Franco serve al centro Goretta solo al centro. E’ provvidenziale Idda a buttarla in angolo.
20′ Un cambio per parte: escono le punte Baclet e Goretta, dentro Mendicino e Ricciardo.
30′ Mungo ko dopo uno scontro di gioco. Entra Statella.
32′ Dentro anche Pascali per Pasqualoni.
34′ Pascali di testa chiama alla presa bassa Forte.
35′ Nel Rende dentro Boscaglia, fuori Franco.
36′ Calamai dilapida un contropiede tre contro uno.
41′ Mendicino riceve palla sulla trequarti e calcia in porta senza inquadrare lo specchio.
45′ Concessi 5′ di recupero.
49′ Rende ad un passo dall’1-0. Laaribi pennella una punizione velenosa che sfiora soltanto l’incrocio con Perina fuori dai pali.
50′ Finale pazzesco al Lorenzon. Bruccini calcia sul secondo palo un calcio franco, Pascali fa la sponda per Mendicno che tutto solo dall’altezza dell’area piccola, non riesce a trovare lo specchio.
50′ E’ finita, il derby finisce 0-0.

 

Il tabellino:
RENDE (3-5-2): Forte; Sanzone, Porcaro, Pambianchi; Godano (45′ st Viteritti), Franco (35′ st Boscaglia), Laaribi, Gigliotti (45′ st Vivacqua), Blaze; Rossini, Actis Goretta (20′ st Ricciardo). A disp.: De Brasi, Marchio, Piromallo, Germinio, Coppola, Calvanese, A. Modic, M. Modic. All.: Trocini
COSENZA (3-5-2): Perina; Idda, Dermaku, Pasqualoni (32′ st Pascali); Corsi, Bruccini, Palmiero, Calamai, D’Orazio; Mungo (30′ st Statella), Baclet (20′ st Mendicino). A disp.: Saracco, Boniotti, Pascali, Pinna, Collocolo, Loviso, Statella, Trovato, Liguori, Azzinnari. All.: Braglia
ARBITRO: Mei di Pesaro
NOTE: Spettatori circa 4000, per larga parte sostenitori del Cosenza. Espulsi: -; Ammoniti: Baclet (C), Laaribi (R), Pascali (C); Angoli: 6-6; Recupero: 0′ pt – 5′ st

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it