Tutte 728×90
Tutte 728×90

Asp di Cosenza, il monito di Confial: «Ecco alcune strane coincidenze…»

Asp di Cosenza, il monito di Confial: «Ecco alcune strane coincidenze…»

La segreteria Confial territoriale Pollino-Tirreno accede i riflettori sull’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, focalizzando il suo intervento sugli incarichi dirigenziali: revoca e conferimento.

«L’ASP di Cosenza ha adottato un Regolamento per il conferimento e revoca degli incarichi dirigenziali adattato  alle necessità  del momento elettorale e in spregio sia alla norma in materia sia alle direttive del Commissario ad Acta Scura,  emanate  con il Decreto 117/2016, previo  accordo con le Organizzazione Sindacali, che  impone la  ricollocazione dei dirigenti perdenti posto di primario (alcuni presi di mira) con la  riorganizzazione del nuovo Atto aziendale.

Molte sigle sindacali – così come sostenuto anche da noi nell’ultimo incontro presso la Direzione dell’ASP – hanno denunciato la protervia della Direzione Generale; con gli stessi condividiamo la mancata firma dell’accordo e il coinvolgimento al Presidente dell’Anticorruzione Cantone, ai Revisori dei Conti dell’ASP e al Commissario Scura, per un loro intervento che riporti la trasparenza nell’ASP. Ma vi è di più; il Commissario Ad Acta in una delle tante bocciature dell’Atto Aziendale aveva imposto di togliere la previsione della decadenza automatica dei direttori di distretto e di altre strutture complesse, proprio perché si sarebbe trattato di spoil sistem mascherato e foriero di contenzioso con i dirigenti, tutelati da contratti di lavoro.

La CONFIAL ritiene illegittima tanto la revoca degli incarichi dei distretti quanto la delibera n.2129 del  22/11/17,  con  la  quale emana l’avviso  pubblico per  individuare – senza  dire  come – i nuovi  direttori  di distretto. Nel Regolamento si recita “presentate le disponibilità il Direttore sceglierà”; ci aspettiamo, pertanto, un autorevole intervento dal Responsabile della Trasparenza e Anticorruzione dell’ASP che faccia chiarezza sulla vicenda.

E cosa dire nel momento in cui i titolari degli incarichi “cessati” (avviso d’incarico, conferimento d’incarico, contratti) – come riportato dalla delibera – per motivi che l’incarico fosse “provvisorio e fino all’atto  aziendale”, ma non  vi è traccia di tale “temporaneità” in nessun atto  aziendale comportando, di conseguenza, la presentazione di  ricorsi in  via d’urgenza  al  Giudice  del  lavoro.  E poiché la Delibera investe tutti i direttori di struttura complessa e semplici, Sanitarie e Amministrative, già regolarmente assegnati con  la Riorganizzazione Aziendale  con la  delibera 3200/2102, per  come  aveva imposto l’Ufficio del Commissario  alla  sanità. Quindi all’ASP potrebbe avviarsi un corposo contenzioso con più di 150 dirigenti che potrebbero fare causa all’Azienda.

Di tutto ciò sono stati informati il Commissario Scura e i Revisori dei Conti, proprio per il contenzioso che potrebbe costare all’Ente risarcimenti milionari, visti i contratti di lavoro ancora in essere, che faranno  allargare ulteriormente  il buco  del debito  sanitario.

La CONFIAL Sanità e la CONFIAL Territoriale Pollino-Tirreno preoccupate per il danno che tutto ciò potrebbe comportare tanto sul piano economico quanto sul piano organizzativo dei servizi resi ai cittadini da parte dell’ASP di Cosenza, chiede al Commissario Ad Acta per il Piano di Rientro la revoca della delibera citata in autotutela per il pericolo di spese aggiuntive che la Regione e l’ASP potrebbero sostenere nel caso di apertura del contenzioso dei soggetti interessati».

Related posts