Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rende, ultima curva di un 2017 da favola. Trocini: «Non fidiamoci dell’Akragas»

Rende, ultima curva di un 2017 da favola. Trocini: «Non fidiamoci dell’Akragas»

Il tecnico ha un solo dubbio sulla corsia mancina. Trocini spiega: «L’Akragas è una squadra organizzata. Chiaramente vive un momento societario difficile che può incidere sui risultati».

All’ultimo giro di curva del circuito 2017, per il Rende calcio c’è l’Akragas. Una partita per coronare definitivamente l’anno corrente ricco senz’altro di emozioni per il mondo biancorosso. Dalla vittoria dei play-off, al ritorno in Serie C e l’attuale rendimento in campionato. Contro gli akragantini di mister Di Napoli, gli uomini di Trocini potranno timbrare quota 31 punti e concludere l’anno con i migliori auspici per il prossimo. Sulla carta, il Rende non dovrebbe avere grosse difficoltà… ma sbagliato prendere sottogamba l’avversario. Parliamo di un sodalizio che sette giorni fa ha fermato tra le mura interne il Matera di Auteri (1-1) e in passato (alla nona giornata) impose il pareggio a reti inviolate in casa del Lecce. Dunque, una formazione imprevedibile alla disperata ricerca di punti per non restare inchiodata all’ultima posizione con una distanza consistente dalla penultima (attualmente la Fidelis Andria dista 5 lunghezze).

Per il Rende, che viaggia a + 10 punti dal 16esimo posto (zona playout) e + 4 dall’11esimo, l’eventuale vittoria di domani rafforzerebbe la permanenza nella zona tranquilla della classifica. «La partita di domani è molto importante – dice Bruno Trocini nel pre-partita – come tutte le altre, d’altronde. Dopo la grande vittoria di Reggio Calabria teniamo tanto a chiudere l’anno nel migliore dei modi». Sugli avversari il tecnico ha le idee chiare: «L’Akragas è una squadra organizzata. Chiaramente vive un momento societario difficile che può incidere sui risultati, però, domenica ha pareggiato con il Matera, qualche settimane fa ha vinto contro al Reggina, ha fermato il Lecce. E’ una squadra che può dare fastidio a tanti e non merita i punti che attualmente possiede. Noi non possiamo abbassare l’attenzione. Faremo un errore madornale». A Reggio, tornando con la mente al turno passato, la truppa rendese è stata applaudita a fine gara dal pubblico di casa, nonostante la pesante sconfitta inflitta al raggruppamento amaranto: «C’era la volontà di dimostrare – spiega Trocini – che le due sconfitte antecedenti al match dello Stretto erano figlie anche di episodi sfortunati. La squadra si era espressa bene. E siamo stati bravi e determinati, i ragazzi hanno saputo sbloccare il risultato in un ambiente con le sue difficoltà».

Al riguardo, tornando all’incontro di domani, della formazione Bruno Trocini (che ha condotto la rifinitura a porte chiuse) non lascia passare nulla: «La formazione? La vedo domani, stanno tutti bene». Forse l’unico dubbio è sulla sinistra… ma il tecnico è impassibile «Dubbi? Non né ho». Sostanzialmente il Rende giocherà con il noto 3-5-2. In porta sarà confermato Forte. In difesa ci saranno Sanzone, Porcaro e Pambianchi. A centrocampo sulla corsia laterale destra Viteritti è ancora in vantaggio su Godano, mentre sul settore mancino c’è il ballottaggio tra Blaze e Calvanese. Nel mezzo ai lati di Laaribi ci saranno Franco e Rossini. In attacco la coppia formata da Actis Goretta e Ricciardo. L’alternativa di Rossini seconda punta e Gigliotti interno di centrocampo sembra che sia stata, anche in questa circostanza, accantonata. Tuttavia, è una soluzione che potrà essere utilizzata nel corso della gara.

Capitolo mercato. Il mese di dicembre, come il 2017, è agli sgoccioli. A gennaio ci sarà il mercato di riparazione, Trocini blinda i suoi: «Siamo felicissimi dei ragazzi che abbiamo a disposizione. Ai tifosi auguro un 2018 come il 2017, cioè ricco di soddisfazioni e di giornate belle e memorabili come le ultime». (Giulio Cava)

RENDE (3-5-2): Forte; Sanzone, Porcaro, Pambianchi; Viteritti, Franco, Laaribi, Rossini, Calvanese; Actis Goretta, Ricciardo. A disp.: De Brasi, Germinio, Coppola, Marchio, Blaze, Boscaglia, Piromallo, Gigliotti, Modic A., Modic M., Godano, Felleca, Vivacqua. All.: Trocini.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it