Tutte 728×90
Tutte 728×90

Bruccini e il vizio del gol: «A Cosenza posso battere il mio record»

Bruccini e il vizio del gol: «A Cosenza posso battere il mio record»

Al centrocampista dei Lupi Bruccini manca un gol per superare se stesso. «Le altre squadre ora iniziano a temere il Cosenza, la svolta c’è stata al Lorenzon col Rende».

E’ tornato a casa, a La Spezia, il miglior marcatore stagionale del Cosenza. Di mestiere non fa l’attaccante, ma i suoi cinque gol nella classifica dei bomber lo pongono al pari di colleghi che giocano una ventina di metri più avanti. Mirko Bruccini è l’elemento che ha beneficiato maggiormente della cura-Braglia. «Ha molti meriti se abbiamo cambiato rotta – sottolinea – Non c’è stato solo un lavoro sulla mentalità della squadra, il nuovo allenatore ha preso del tempo per capire come potesse rendere al meglio ogni singolo giocatore e poi ha scelto un modulo di riferimento in base al materiale umano a sua disposizione».

Bruccini nel frattempo si gode il meritato riposo. «Sono a casa inattesa di riprendere ad allenarmi in vista della partita di Tim Cup contro il Trapani – continua dalle colonne de La Gazzetta del Sud – In questo periodo di stop, al pari degli altri compagni, poso riflettere sull’andamento della prima parte della stagione». Il vizietto che ha sotto porta, lo ha condotto ad eguagliare la stagione 2014-2015 di Reggio Emilia. Ho la possibilità di superare il mio record di gol  – aggiunge pensando all’intero girone di ritorno a disposizione – e ciò significa che qualcosa di buono è stato fatto. Se ho trovato spiegazioni all’avvio negativo? A livello personale non mi sono mai scoraggiato, ma è ovvio che nessuno poteva attendersi un inizio così deludente. A cominciare dai tifosi, che meritavano ben altro».

Bruccini, come tutti gli altri suoi compagni, non ha avuto una partenza di campionato semplice. «Mi capita sempre di toppare in avvio perché ho difficoltà a carburare e non mi trovo maia mio agio nel periodo del ritiro pre-campionato» ammette con sincerità.

Si continua con il derby di Rende «Non abbiamo battuto i biancorossi, ma c’è stata una presa di consapevolezza generale riguardo alle nostre possibilità. Al Lorenzon siamo stati perfetti, anche se è mancato il gol. Non è un caso che, dopo lo 0-0 siano arrivate quattro vittorie consecutive – sentenzia Bruccini – E adesso tocca a noi divertirci. Posso assicurarvi che le avversarie adesso inizieranno a temere il Cosenza. La sosta? Avremmo preferito continuare a giocare, anche perché siamo in grande condizione e i risultati ci danno ragione. D’altro canto, staccare la spina è sempre positivo. Tutti noi avevamo comunque bisogno di ricaricare le pile. Sarà fondamentale farsi trovare pronti quando ripartirà il campionato».

Chiusura dedicata al Matera, di scena al Marulla il 21 gennaio. «All’andata giocamrno bene – chiosa Bruccini – ma loro si dimostrarono compatti e difficile da battere. Prevedo una partita di qualità».

Related posts