Tutte 728×90
Tutte 728×90

Trocini mette in guardia il Rende: «Tutti ci conoscono, da adesso in poi sarà dura»

Trocini mette in guardia il Rende: «Tutti ci conoscono, da adesso in poi sarà dura»

Trocini si toglie un sassolino: «Non siamo più la Cenerentola del campionato come qualcuno ci definì. Abbiamo meritato sul campo di fare 31 punti e ci siamo conquistati il rispetto degli avversari».

ùRipresi gli allenamenti anche in casa Rende, dove dopo le vacanze il compito più arduo di Bruno Trocini sarà quello di ancorare lo spogliatoio all’umiltà mostrata nella prima parte di stagione. Il rischio che si perda di vista l’obiettivo potrebbe giocare brutti scherzi e perfino compromettere una stagione a cui manca davvero poco per completare il puzzle.

E’ la salvezza l’unico obiettivo dei biancorossi e non c’è un giorno che Trocini non l’ha ripetuto in conferenza stampa o al chiuso delle docce. Il tecnico

«Ricominciamo a lavorare con serenità, lasciandoci alle spalle le feste appena concluse – ha spiegato Trocini – Abbiamo grande voglia e siamo consapevoli che la seconda fase sarà per noi molto complicata».

Ormai tutti hanno parlato del Rende e ogni allenatore ha affrontato la compagine guidata da Trocini. «Le difficoltà maggiori deriveranno dal fatto che non siamo più la sorpresa del campionato, o la Cenerentola come fummo defiiti a settembre – sottolinea – Siamo un collettivo che ha meritato di fare 31 punti sul campo e che si è conquistato il rispetto di tutti. Questo comporta quindi una maggiore attenzione da parte degli avversari».

Trocini non vuole cambiare ricetta. «Abbiamo sempre dimostrato maturità, specialmente nel provare a raccogliere il massimo da ogni momento della stagione. Sono certo, pertanto, che continueremo a fare bene».

Ultime battute dedicate alle operazioni in entrata e uscita. «Mercato? Siamo al completo, vanto inoltre un organico adeguato a raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio anno – taglia corto Trocin – Al massimo potremmo accontentare chi ha manifestato l’esigenza di giocare di più». (Giulio Cava)

Related posts