Tutte 728×90
Tutte 728×90

Decreti ingiuntivi a Palazzo dei Bruzi, Vigna replica a Guccione: «Avete lasciato 130 milioni di debiti…»

Decreti ingiuntivi a Palazzo dei Bruzi, Vigna replica a Guccione: «Avete lasciato 130 milioni di debiti…»

«Appare paradossale che Guccione si preoccupi per 2.8 milioni di euro dopo aver lasciato, in dote ai cosentini,  insieme al suo Partito, 130 milioni di euro di debiti».

Lo afferma l’Assessore al bilancio Luciano Vigna in risposta alle dichiarazioni diffuse alla stampa dal consigliere comunale del PD Carlo Guccione.

«Per questi  e altri motivi – sottolinea l’Assessore Vigna nella sua replica – concordo con il Consigliere Guccione su un aspetto: il metodo utilizzato da questa Amministrazione nella gestione della finanza comunale è assolutamente agli antipodi con quello cui fa riferimento l’esponente del Pd».

«Sono circa 1800 gli euro che ogni cosentino sta pagando a causa delle scellerate politiche finanziare portate avanti da un’intera classe dirigente. Con una ristrutturazione della mole debitoria – afferma ancora Luciano Vigna – siamo riusciti a dilazionare in 30 anni il peso che grava sull’intera comunità. Il comune di Cosenza è attualmente in pre-dissesto e sta portando avanti un’efficace opera di risanamento prevista dal Piano di riequilibrio approvato dalla Corte dei Conti».

Vi sono dei contenziosi, quasi tutti ereditati dal passato, ai quali abbiamo trovato comunque copertura in bilancio e che saranno oggetto di soluzione nei prossimi mesi. Il debito cui si fa riferimento, relativo ai servizi degli asili nido, riguarda – precisa ancora l’Assessore Vigna – attività finanziate quasi totalmente con fondi comunitari che ancora devono essere erogati agli Enti e ciò ha determinato i ritardi nei pagamenti».

«Per fortuna, il disastro ereditato è ormai dietro le spalle e Cosenza affronta quotidianamente le difficoltà che tutti i comuni italiani stanno fronteggiando in un periodo di estrema crisi. Siamo consci – conclude Vigna – delle difficoltà che il nostro Comune deve quotidianamente affrontare,  ma siamo orgogliosi dell’inversione di rotta che sta rimettendo i conti in totale equilibrio».

Related posts