Tutte 728×90
Tutte 728×90

Arresti e denunce dei Carabinieri per prevenire lo spaccio di droga

Arresti e denunce dei Carabinieri per prevenire lo spaccio di droga

I Carabinieri della Compagnia di Rende hanno proseguito l’attenta azione di controllo del territorio mettendo in campo,  servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere.

I Carabinieri della Compagnia di Rende hanno proseguito l’attenta azione di controllo del territorio mettendo in campo, su indicazione del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza, servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere, nonché alla verifica del rispetto del Codice della Strada, in particolare sul piano dell’azione di contrasto alla diffusione di sostanze stupefacenti i militari dell’Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rende hanno arrestato per il reato di “Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” un 28enne residente a Castrolibero. I militari operanti, unitamente ad unità cinofila antidroga, a seguito di perquisizione domiciliare nell’abitazione dell’uomo rinvenivano, nr. 5 bilancini di precisione e un involucro in cellophane contenente 30 grammi di “Cocaina” di cui l’uomo aveva tentato di disfarsi lanciando repentinamente l’involucro dalla finestra dell’abitazione. Nella medesima circostanza veniva inoltre denunciato per il reato di “Ricettazione” perché all’interno del garage di sua proprietà veniva rinvenuto un ciclomotore con telaio tagliato. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Contestualmente sono stati segnalati alla Prefettura di Cosenza, quali “Assuntori di sostanze stupefacenti” un 24enne residente a Treviso, un 25enne residente a Rende e un 21enne residente a Dipignano. I militari operanti a Rende, controllavano i due giovani i quali, a seguito di perquisizione personale, venivano complessivamente trovati in possesso di nr. 2 “spinelli” e grammi 3 di “Marijuana”, tutto sottoposto a sequestro. Inoltre il 24enne veniva denunciato in stato di libertà per il reato di “Porto ingiustificato di armi od oggetti atti ad offendere” poiché veniva trovato in possesso di un “tirapugni in ferro”, sottoposto a sequestro.

Related posts