Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, al ritorno serve un’impresa. La Viterbese e l’arbitro stendono i Lupi (3-1)

Cosenza, al ritorno serve un’impresa. La Viterbese e l’arbitro stendono i Lupi (3-1)

Due errori di Zommers (autorete di Pascali e gol di Jefferson) più il rigore di De Sousa al 90′ e le espulsioni di Mungo e Loviso pesano come un macigno. Il Cosenza si aggrappa alla rete di Bruccini, ma al ritorno dovrà vincere con due gol di scarto.   

Il risultato maturato al Rocchi lascia l’amaro in bocca a Corsi e compagni. Per come si era messa la partita, poteva finire con un passivo pesantissimo che avrebbe reso quasi inutile il ritorno di mercoledì prossimo al Marulla, ma il minimo scarto era ormai cosa fatta se non fosse stato per un rigore generato da una trattenuta di Dermaku su Sanè. Il 3-1 per i padroni di casa, invece, nella semifinale di andata di Coppa Italia ha un sapore acre, anche se lascia aperto qualsiasi discorso. Le espulsioni di Mungo e Loviso con cui il direttore di gara ha condizionato la sfida hanno inciso sul punteggio. I rossoblù, feriti nell’orgoglio e finiti sotto due volte, hanno posto i presupposti con un sinistro di Bruccini per ribaltare il punteggio tra una settimana, hanno poi dimostrato di essere vivi e affamati, ma al 90’ hanno incassato una doccia fredda.

Braglia non ha a disposizione Camigliano e Trovato e opta per una formazione sperimentale. A protezione di Zommers, il portiere di Coppa, giostra il terzetto composto da Boniotti, Dermaku e Pascali, mentre in regia c’è Loviso con Bruccini e Mungo (altra novità) ai suoi lati. A sinistra ritorna D’Orazio: panchina per Ramos. Davanti, a supporto di Baclet, gioca Tutino. Dall’altra parte Sottil va all-in con Vandeputte alle spalle di Calderini e Jefferson.

Il Cosenza parte bene con Baclet che costringe Pini a distendersi e a deviare in corner, ma dopo 6’ i Lupi sono già sotto. Colpa di Zommers, ingannato da un terreno infame, che non controlla un innocuo retropassaggio di Pascali. La gara, chiaramente, cambia. E cambia in peggio quando Mungo al 13’ finisce sotto la doccia per aver detto qualcosa di troppo al direttore di gara. Proietti poco dopo grazia D’Orazio: dalle immagini televisive è netto lo schiaffo che rifila a Vanderputte che lo tratteneva. La giacca nera si limita però ad ammonire il fantasista della Viterbese. Braglia alla mezzora ridisegna da zero la squadra: fuori Boniotti e dentro Calamai con il passaggio al 4-3-2. Il raddoppio, dopo un errore di Tutino che spreca clamorosamente davanti a Pini, va in onda al 33’ ed è sempre Zommers che ha grosse responsabilità su un colpo di testa di Jefferson valutato male. Al 41’ Bruccini riporta i suoi in partita sfruttando al meglio un’azione magistrale di Calamai. Galvanizzato dalla rete in inferiorità numerica, il Cosenza sfiora il 2-2 sempre con Calamai. Baclet trova il fondo e mette il compagno davanti alla porta. L’errore stavolta è grave perché i pali erano sguarniti.

Nella ripresa si comincia con una pioggia battente che rende più difficile il compito dei 22 in campo. Sottili lascia sotto la doccia Jefferson, lancia Bismark e a ruota perde De Vito (infortunato). Il protagonista, però, è l’arbitro. Proietti al 13’ espelle anche Loviso e il provvedimento appare decisamente eccessivo per la portata dell’intervento: il nuovo accorgimento tattico del Cosenza prevede l’ingresso di Palmiero per Tutino e il passaggo al 4-3-1. I Lupi tuttavia non soffrono e sono disposti bene in campo. Quadruplicando gli sforzi chiudono ogni varco e cercano di supportare quando possono Perez, nel frattempo entrato al posto di un esausto Baclet. La beffa arriva al 90’ Corsi cicca un pallone che finisce in area sul sinistro di Sanè, Dermaku lo stende e De Sousa fa 3-1 dal dischetto. Mercoledì prossimo serve un impresa e almeno il 2-0 per accedere alla finale di Coppa Italia. (Antonello Greco)

CRONACA.
1′ Inizia il match. Viterbese in divisa blu, Cosenza in maglia bianca
5′ Baclet ci prova in area di rigore, Pini respinge in angolo. dagli sviluppi del corner nulla di fatto
7′ Gol clamoroso della Viterbese. Retropassaggio di Pascali all’indietro la palla rimbalza male ed inganna Zommers terminando in rete
13′ Il Cosenza rimane in dieci per una grossa ingenuità di Mungo che dice qualcosa di troppo al direttore di gara e viene mandato sotto la doccia
15′ Occasione per il Cosenza. Tutino ci prova ma Pini respinge la minaccia
26′ Miracolo di Zommers su Calderini che evita il raddoppio dei padroni di casa
28′ Primo cambio per il Cosenza. Fuori Boniotti e dentro Calamai
33′ Raddoppio della Viterbese. Jefferson salta più in alto di tutti e di testa batte Zommers non proprio perfetto nel calcolare la traiettoria della palla che si infila nell’angolino
41′ Gran gol del Cosenza. Bellissima azione di Calamai sulla sinistra, entra in area di rigore e serve Bruccini che con un gran tiro batte l’estremo difensore di casa
43′ Cosenza vicinissimo al pari. Baclet fa tutto bene sulla destra, mette al centro, la palla arriva sui piedi di Calamai che tutto solo manda sul fondo
45′ Tre minuti di recupero
45’+1′ Punizione di Sini, Zommers respinge la minaccia con i pugni
45’+3′ Termina il primo tempo con la Viterbese in vantaggio per 2-1

SECONDO TEMPO
1′ Riprende il match. Primo cambio per la Viterbese. Fuori Jefferson e dentro Bismark
4′ Secondo cambio per la Viterbese. Fuori De Vito e dentro Sanè
6′ Calami ci prova dalla distanza, Pini blocca senza problemi
12′ Cosenza rimane in nove per rosso diretto nei confronti di Loviso per un fallo su Sanè. Decione discutibile del direttore di gara
15′ Secondo cambio per il Cosenza. Fuori Tutino e dentro Palmiero
16′ Gran parata di Zommers su Bismark. la sfera viene deviata in angolo. Dagli sviluppi del corner nulla di fatto
18′ Dentro De Sousa e fuori Calderini
20′ Fuori Baclet e dentro Perez
25′ Bismark ci prova dalla distanza, la palla termina sopra la traversa
30′ Punizione di Sini, la palla viene deviata dalla barriera e termina in angolo. dagli sviluppi del corner nulla di fatto
32′ Bruccini defilato entra in area di rigore e prova subito il tiro ma la sfera termina sull’esterno della rete
44′ Gol della Viterbese. Fallo ingenuo di Dermuku su Sanè e  il direttore di gara concede il rigore. Sul dischetto si presenta De Sousa che spiazza Zommers per il 3-1.
45′ Termina il match con la Viterbese che vince per 3-1

 

Il tabellino:
VITERBESE (4-3-1-2): Pini; Celiento, Rinaldi, Sini, De Vito (3’ st Sanè); Baldassin, Benedetti, Cenciarelli; Vandeputte; Calderini (18’ st De Sousa), Jefferson (1’ st Bismark). A disp.: Micheli, Iannarilli, Atanasov, Mbaye, Peverelli, Di Paolantonio, Mendez, Mosti. All.: Sottil
COSENZA (3-5-2): Zommers; Boniotti (29’ pt Calamai), Dermaku, Pascali; Corsi, Bruccini, Loviso, Mungo, D’Orazio; Tutino (14’ st Palmiero), Baclet (20’ st Perez). A disp.: Saracco, Idda, Pasqualoni, Ramos, T. Braglia, Okereke. All.: P. Braglia
ARBITRO: Proietti di Terni
MARCATORI: 6’ pt Pascali (C, aut.), 33’ pt Jefferson (V), 41’ pt Bruccini (C), 90’ De Sousa (V)
NOTE: Spettatori circa 700 con rappresentanza ospite. Espulsi al 13’ pt Mungo (C) per proteste e al 12’ st Loviso per gioco violento. Ammoniti: Vanderputte (V), Pascali (C), Bismark (V), De Sousa (V). Angoli: 3-2. Recupero: 3’ pt – 4’ st

 

 

Related posts