Tutte 728×90
Tutte 728×90

Liverani, attacco frontale a Braglia: «E’ follia “chiamare” una designazione»

Liverani, attacco frontale a Braglia: «E’ follia “chiamare” una designazione»

L’allenatore del Lecce punta il dito contro il collega del Cosenza: «Sono rimasto senza parole quando ho saputo che in conferenza ha fatto un nome di un arbitro che vorrebbe designato». 

Nonostante ci sia in mezzo la gara con la Viterbese, dal valore molto più alto per il Cosenza, da Lecce si infiamma già il confronto che lunedì sera mettere di fronte due tra le compagini più blasonate dell’intero campionato.

Ieri pomeriggio c’ha pensato l’allenatore salentino Fabio Liverani ad attaccare frontalmente Piero Braglia a cui ha dedicato l’inizio della conferenza stampa post-partita col Matera. L’argomento sono state le parole pronunciate venerdì dal trainer rossoblù che si lamentava delle ultime designazioni capitate ai Lupi e auspicava che venissero scelti per le prossime gare una serie di arbitri. Come si evince da questo primo video (credits: Facebook Cosenza Calcio), rispondendo ad una domanda sugli evidenti torti subiti a Viterbo, sottolinea: «Farmi prendere per le mele da un ragazzo, non mi sta bene. Qui sicuramente poi verrà un arbitro bravo, ma non ci è mai toccato quelli bravi. Non ci è mai toccato Massimi di Termoli. Preferisco  perdere, ma avere un arbitro all’altezza della situazione. Ogni tanto ci mandano della gente… ma a Caserta voi l’avete vista la partita? Io guardo come uno arbitro e che indirizzo gli dà. Non so se stare sempre zitto ti fa un favore, ma se una persona per bene come Guarascio adotta una certa linea noi ci adeguiamo. Ma non so se paga».

Il caso ha voluto che proprio il tanto apprezzato (da Braglia) signor Massimi di Termoli si sia reso protagonista di un paio di decisioni che a detta di Liverani hanno impedito al Lecce di battere il Matera. Dopo il 90′ l’ex regista di Lazio e Perugia si è presentato davanti ai giornalisti e non le ha mandate a dire. Anche in questo caso vi proponiamo il video incriminato (credits: YouTube Us Lecce), in cui il tecnico giallorosso parlando di Braglia dice: «In passato ho avuto la fortuna di parlare di regolamenti con Collina e Rizzoli e credo che parli chiaro: c’era un rigore per noi. Sono qui da 25 partite e non ho mai parlato di arbitri, ma quello che mi fa strano è leggere venerdì pomeriggio di un allenatore del nostro girone che chiama la designazione per la sua squadra di Massimi di Termoli. E’ follia. Faccio fatica a capire come si faccia a dire così. In questo campionato vedo cose allucinanti con tutti che parlano di tutti». I giornalisti di Lecce incalzano Liverani per fare il nome del collega del Cosenza e alla fine cede: «Sì, è Braglia che io stimo e rispetto. E’ una cosa di un altro mondo chiedere un arbitro per sé, magari non sarò così avanti nell’esperienza… ma andiamo avanti». (Alessandro Storino)

Related posts