CronacaDall' ItaliaDalla Calabria

Il caso del prete cosentino anima lo scontro verbale tra i legali di Nunnari e le Iene

Ieri sera è andato in onda un altro servizio delle Iene sulla storia della donna costretta ad abortire dopo aver avuto una relazione con un prete cosentino.

La giornalista Valeria Castellano ha replicato, inoltre, alla lettera dei legali dell’arcivescovo Salvatore Nunnari che nei giorni scorsi aveva definito una «spettacolarizzazione del dolore di una giovane madre» quanto descritto nei servizi precedenti. Oggi intanto è arrivata la controreplica dei legali Enzo Paolini e Giuseppe Farina.

Qui il servizio andato in onda ieri sera su Italia Uno.

  https://www.iene.mediaset.it/video/chi-ha-spinto-questa-donna-ad-abortire_13224.shtml?r=q1-0da8fc2d283531438e627e8d312f58e2302207be7db5081bc59b2a0dd57d303d

Qui la controreplica degli avvocati dell’arcivescovo Nunnari.

La puntata de Le Iene di ieri sera è stata particolarmente interessante.

L’inchiesta sullo spaccio degli steroidi anabolizzanti nel mondo delle palestre un documento importante per avvertire dei pericoli che si corrono nell’uso indiscriminato di prodotti pericolosi per la salute.

Invece il servizio sulla annunciata “verità” sul caso nel  quale è stato coinvolto Mons. Nunnari – deludente per il pubblico dal momento che è stato quasi per intero, la replica di quello trasmesso qualche settimana fa – è stato significativo solo dal nostro punto di vista. La parte aggiunta, infatti, non ha modificato niente della ricostruzione già offerta, tuttavia ha confermato alcune cose.

Ma andiamo con ordine.

Per prima cosa, e sempre nell’ambito dell’incarico ricevuto da Mons. Nunnari, con spirito più che mai laico prendiamo atto delle osservazioni degli avvocati Sammarco e Spada ed esprimiamo solidarietà alle giornaliste delle Iene. La stessa dovuta a chiunque dovesse subire aggressioni fisiche e violente nel corso dello svolgimento del proprio lavoro.

Ovviamente la questione non è questa, ma – dal punto di vista del cittadino che noi assistiamo – se esse giornaliste, inviate delle Iene, indipendentemente dall’inqualificabile aggressione, con il video mandato in onda lo abbiano diffamato o no.

Naturalmente se ne occuperà la Magistratura.

Per quanto ci riguarda, ed in considerazione della enorme diffusione del servizio abbiamo ritenuto doveroso fare subito una replica pubblica che, sul piano del diritto, ha la stessa dignità e legittimità del diritto di cronaca. A meno che le Iene e i loro corifei non ritengano che a loro – e solo a loro – spetti il diritto di fare processi pubblici, su giornali e TV e di emettere le relative condanne.

Di fronte ad un impatto così incisivo per l’immagine, come un servizio in prima serata su una importantissima rete nazionale ci siamo quindi limitati a segnalare che non tutte le cose sono andate come descritte nel servizio.

Di alcune ne avevamo le prove. Di altre solo sospetti, ma la assenza di smentite nel comunicato degli avvocati e poi il servizio di ieri sera, li ha trasformati in certezze. Dunque: 1) la persona inquadrata in corrispondenza della voce (alterata) di “Francesca” non era Francesca ed il “prete della parrocchia vicina” non era lui (come si definiscono in questi casi: attori, replicanti, figuranti, sostituti, ventriloqui, vedano le Iene). 2) Giusta la tutela della privacy e dell’immagine ma nessun avviso è stato fornito agli spettatori che ritenevano di vedere i protagonisti reali. 3) La ragazza ha dichiarato – in un documento originale in nostro possesso –  di aver incontrato Mons. Nunnari solo dopo aver praticato l’aborto.

Non sono dogmi, sono semplici, laici, riscontri sempre suscettibili di verifiche.

Come quelle fornite ieri sera da Le Iene.

Avv. Enzo Paolini 

Avv. Giuseppe Farina

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina