Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza verso il derby con il 3-5-1-1. Sugli spalti si punta quota seimila

Cosenza verso il derby con il 3-5-1-1. Sugli spalti si punta quota seimila

Per ciò che concerne la formazione, Braglia è intenzionato a puntare nuovamente sul 3-5-1-1 visto a Castellammare di Stabia. Potrebbe esserci però un dubbio per reparto.

E’ la partita che può incanalare nel verso giusto, in attesa dei playoff, una stagione al di sotto delle aspettative. Il Cosenza dopo 33 anni ha l’occasione di battere i cugini del Catanzaro e di sfatare un tabù ormai troppo lungo. Proprio per questo si viaggia spediti verso le 6mila presenze e non è detto che domani mattina ne venga sfondato il muro. La Tribuna A è sold out, la Curva Bergamini sta incrementando di ora in ora i biglietti venduti: in entrambi i settori di fede rossoblù il colpo d’occhio sarà di livello. Nel settore ospiti, invece, poco meno di 500 fan, 473 per l’esettezza: a prescindere un numero inferiore di quanti furono i Lupi al Ceravolo in Curva Est.

Per ciò che concerne invece la formazione, Braglia è intenzionato a puntare nuovamente sul 3-5-1-1 visto a Castellammare di Stabia. I dubbi che animano la vigilia dello staff rossoblù sono uno per reparto. A protezione di Saracco dovrebbe spuntarla l’esperto Pascali, utile anche sui calci piazzati, su Camigliano. Per il resto Idda e Dermaku non sono in discussione. Nel pacchetto arretrato non è al meglio Boniotti.

A centrocampo, dopo la bella prova del Menti, non ci saranno variazioni. L’unico che ambisce a scalzare un compagno è Ramos, ma D’Orazio pare doversi tenere stretto la maglia. Dall’altra parte spazio a Corsi, mentre ai lati del play Palmiero giostreranno Bruccini e Calamai.

In avanti il testa a testa è tra Perez e Baclet, mentre a supporto Mungo è il favorito. Tutino parte leggermente dietro, mentre Okereke verrebbe chiamato in causa esclusivamente nel caso di un cambio modulo o nella ripresa. (Francesco Pellicori)

Related posts