Tutte 728×90
Tutte 728×90

Occhiuto non si candida alla Regione. «A Cosenza c’è del lavoro da finire»

Occhiuto non si candida alla Regione. «A Cosenza c’è del lavoro da finire»

Il sindaco Mario Occhiuto chiude le porte ad una sua candidatura a governatore. «Il nostro è un lavoro strategico perché possiamo essere utili dimostrando come una città della Calabria possa aspirare ad essere un esempio virtuoso in tutta Europa».

«Il mio primo obiettivo rimane quello di completare il lavoro avviato nella città che per due volte mi ha fortemente voluto sindaco». A dirlo è il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto che così decide ufficialmente di non candidarsi alle elezioni regionali per il nuovo Governatore della Calabria.

«Il nostro è un lavoro strategico perché possiamo essere utili dimostrando come una città della Calabria possa aspirare ad essere un esempio virtuoso in tutta Europa – ha sottolineato dal suo profilo Facebook Occhiuto – A breve avremo il più grande Parco del Benessere del centro sud Italia, i fiumi navigabili, il Planetario, dieci nuove piazze pedonali e un circuito di nuovi percorsi accessibili, il Museo di Alarico, un centro pedonale allargato, il nuovo Stadio con la Città dello Sport, la Ciclopolitana, la Metro di superficie e un sistema di mobilità sostenibile all’avanguardia in Europa, tutte le opere di riqualificazione delle periferie e l’attuazione di un piano straordinario di recupero del centro storico (anche un fondo è adesso molto interessato a finanziare attività di recupero per immobili privati). E tante altre opere ancora che sono finanziate e in corso di esecuzione».

Occhiuto continua nell’esprimere i suoi desideri. «Io credo che Cosenza diventerà un esempio straordinario in tutto il mondo per i criteri di sostenibilità e di qualità portati avanti nel processo di crescita della città. Avremo tanti visitatori, e tutti saranno orgogliosissimi. Sarà un buon lavoro per l’intera Calabria che porterà ricchezza a tutti, perché allo stato molti investitori si rifiutano di interessarsi al sud e alla Calabria in particolare. Dobbiamo dare un esempio positivo, in modo che non si possa più ritornare indietro. Completare il lavoro evitando che i miei avversari personali possano prendere di mira la città, dopo tutti questi sacrifici».

Related posts