Tutte 728×90
Tutte 728×90

Braglia: «Cosenza, conta la convinzione. Tutino non ha fatto nulla ancora»

Braglia: «Cosenza, conta la convinzione. Tutino non ha fatto nulla ancora»

L’allenatore del Cosenza Piero Braglia sottolinea: «La squadra sta bene, il problema delle partite secche è che si azzera tutto, non dobbiamo pensare che abbiamo due risultati su tre, dobbiamo limitarci a fare la nostra partita».

E’ la vigilia del primo turno dei playoff, che vede il Cosenza impegnato al Marulla contro la Sicula Leonzio. «In queste partite  – spiega Braglia – conta la convinzione, la mentalità, la voglia di arrivare fino in fondo, ma partita secca è sempre un rischio: sui 180′ fai in tempo a rimediare, sui 90′ ciò che succede succede».

Braglia, poi, non vuole sentire parlare di pareggio che comunque è un’opzione che permetterebbe ai suoi di passare il turno. «Abbiamo davanti una squadra sbarazzina, con molta qualità, dobbiamo stare attenti – dice – La squadra sta bene, il problema delle partite secche è che si azzera tutto, non dobbiamo pensare che abbiamo due risultati su tre, dobbiamo limitarci a fare la nostra partita con molto entusiasmo e molta fame: di quello che dice Diana mi interessa poco, a quarant’anni magari avrei fatto anche io certi discorsi, vediamo se poi riusciremo a buttarli fuori noi o loro».

L’unica preoccupazione che all’orizzonte si intravede è l’atteggiamento della ripresa con il Trapani. «Il calo col Trapani? Eravamo già negli spogliatoi – evidenzia Braglia – Sono patite che, sul finire del campionato, sono sempre più pericolose: invece di chiudere i conti abbiamo sbagliato un rigore e loro si sono ripresi, anche perché, come sottolineato da Calori, era difficile fare peggio di come hanno fatto nel primo tempo».

L’uomo in più del momento è Tutino. «Non ha fatto ancora nulla – dice Braglia – deve dimostrare che è cambiato e che vuole fare categorie diverse e che vuole dare una mano a questa squadra a fare categorie diverse. Ha delle doti importanti, ma non può comportarsi come prima, deve fare bene per dimostrare di poter fare categorie importanti e Gennaro, a cui auguro ogni bene, deve impegnarsi al massimo per sfruttare le proprie doti. Ora ha nove partite per portare la squadra a fare qualcosa di diverso, lui si è assunto delle responsabilità e noi lo stiamo aspettando, tutto qui».

La Sicula Leonzio è formazione sbarazzina. «La partita di domani non c’entra nulla con quella del campionato, vediamo anche come si schierano loro, noi abbiamo delle linee guida e le aspettiamo – chiude Braglia – Abbiamo recuperato tutti i giocatori, speriamo di recuperare Idda e di fare meno danni possibile, che a volte nel campo si fa danni anche senza volerlo: non ho paura della Sicula, ho paura dei miei, voglio che tengano fede alle proprie ambizioni e spero che questo lo capisca anche la piazza, perché noi non giochiamo da soli, abbiamo bisogno del pubblico. Se giochiamo al 100% passiamo il turno». (r. c.)

Related posts