Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Rende sfiora l’impresa, ma sarà Cosenza-Casertana

Il Rende sfiora l’impresa, ma sarà Cosenza-Casertana

Il Rende passa in vantaggio con Gigliotti, ma poi Pinna e Turchetta regalano il pass alla Casertana. La Virtus Francavilla sbanca Monopoli e troverà la Juve Stabia.

Il Rende va vicinissimo al terzo derby stagionale con il Cosenza. Passa in vantaggio con Gigliotti, poi l Casertana sbaglia un rigore e trova il pareggio con Pinna. Nei minuti finali il gol di Turchetta ribalta il punteggio. Sarà quindi Cosenza-Casertana la seconda gara dei playoff, perché la Virtus Francavilla ha sbancato Monopoli ed affronterà la Juve Stabia.

La stagione del Rende termina al “Pinto” di Caserta. La squadra di Trocini, che pur era andata in vantaggio al 69’ con Gigliotti, si è fatta recuperare 6 giri di lancette più tardi dalla marcatura di Pinna e dalla definitiva rete di Turchetta nei minuti di recupero. E’ l’epilogo dell’entusiasmante stagione condotta dal club biancorosso. Ora è tempo di fare il bilancio stagionale, ma cosa più importante capire cosa ne sarà del Rende calcio nel prossimo futuro. Di certo c’è il rammarico per non essere riusciti a superare il primo turno dei play-off, ed oltre alla soddisfazione nel complesso del campionato, ci sono tasselli da ricomporre. Ad iniziare dalla posizione del presidente Fabio Coscarella. Ritornerà sui suoi passi, ritirando le dimissioni annunciate a seguito della gara interna contro il Trapani? Oppure, chi saranno le nuove figure a guidare il Rende nel prossimo campionato di Serie C? Nell’immediato, oltre al discorso societario, c’è un discorso fattuale che riguarda le situazioni di tanti calciatori a scadenza di contratto (come Porcaro) e tanti che sono sotto gli occhi di club di un certo livello (come Sanzone, Laaribi e Blaze). E, in ultimo quesito, chi sarà il successore di Bruno Trocini, dato partente per certo sia dal diretto interessato che dal presidente Coscarella? Sul suo futuro, secondo alcuni “rumores”, ci sarebbe un club del Nord Italia. Ma parliamo della sconfitta maturata in terra camapana.

Trocini si affida allo stranoto 3-5-2, che in realtà vede Rossini nel ruolo di secondo punta affianco ad Actis Goretta. A centrocampo Laaribi è ritornato a fare il regista con Franco e Gigliotti nel ruolo di mezze ali. Dietro confermato il pacchetto Sanzone, Cuomo, Pambianchi. La Casertana di D’Angelo schierava Alfageme e Turchetta con cardini offensivi. A centrocampo la regia era sotto le redini del giovane Santoro, coadiuvato da De Rose e Romano.

Nel primo tempo non accade nulla, salve qualche azione per una gara sostanzialmente equilibrata. Al quarto d’ora ci provano gli ospiti. Errore di Forte che serve in modo involontario Gigliotti che serve Goretta, ma viene anticipato da Lorenzini. Al 24’ è il turno dei Falchetti. De Rose si accentra e prova la botta: blocca De Brasi. La prima frazione termina con un tiro assolutamente da dimenticare per Pinna.

La ripresa si apre con due azioni biancorosse che fanno da prodromo al vantaggio. Al 50’ Gigliotti conclude a lato. Dopo 10 minuti esatti, Laaribi scarica una bordata, ma il pallone, violento, sfiora di un nulla il palo. Il Rende sale, la Casertana arretra. E’ il momento giusto. Al 69’ Gigliotti centra l’obiettivo. Franco piazza un traversone in area, sponda di Goretta e Gigliotti batte l’ex compagno di squadra Forte con un preciso diagonale. Tuttavia, l’entusiasmo rendese viene subito congelato. Al 70’ l’arbitro concede un rigore per la Casertana che fa arrabbiare tutta la panchina del Rende. Anche Trocini, furibondo, entra in campo a protestare. Dopo 3 minuti di proteste, Turchetta batte il penalty, ma De Brasi compie il miracolo deviando il tiro dell’attaccante campano. Anche qui, la doccia fredda non tarda ad arrivare. 75’ punizione, sulla battuta si presenta Pinna che, di sinistro, batte il portiere del Rende sbilanciato, anche, da un rimbalzo. Il Pinto è il delirio.

Il Rende si fa vedere con una timida azione di Rossini che cerca lo stacco in area di Vivacqua. Cosa che avviene, ma non con la giusta intensità. Ma in questa sera accade davvero di tutto. All’88’ Falchetti in 10 per il rosso ai danni di D’Anna che tocca con la mano il tiro di Laaribi. Espulsione e calcio di punizione da ottima posizione: manco a dirlo batte Laaribi che centra una clamorosa traversa (89’). Tuttavia, le ultime speranze biancorosse si affievoliscono con il vantaggio ospite, arrivato al 92’ ad opera di Turchetta che si fa perdonare per l’errore dagli undici metri. Il tiro del centravanti rossoblu viene parzialmente deviato da un difensore del Rende e De Brasi non può nulla. La Casertana va avanti, il Rende torna a casa con la mente avvolta in tanti interrogativi. (Giulio Cava)

CASERTANA (3-5-2): Forte 6.5; Polak 6, Lorenzini 6, Pinna 7; D’Anna 5, De Rose 6, Santoro 5.5 (12′ st Meola 6), Romano 6, Finizio 5.5 (12′ st Rainone 6); Turchetta 6.5, Alfageme 5 (20′ st Padovan 6). In panchina: Gragnaniello, Cardelli, De Marco Rajcic, Cigliano, Minale, Tripicchio, De Vena, Caterino. All.: Luca D’Angelo 6
RENDE (3-5-2): De Brasi 6.5; Sanzone 6, Cuomo 7, Pambianchi 6; Viteritti 6.5 (36′ st Vivacqua sv), Gigliotti 7, Laaribi 6.5, Franco 6, Marchio 6 (36′ st Godano sv); Rossini 6, Actis Goretta 6. In panchina: Polverino, Cassalia, Germinio, Coppola, Porcaro, Novello, Calvanese, Carbone, Ferreira. All.: B. Trocini 6
ARBITRO: Dionisi di L’Aquila
MARCATORI: 24′ st Gigliotti (R), 30’st Pinna (C), 47′ st Turchetta (C)
NOTE: Circa 3000 gli spettatori. Ammoniti: Cuomo, Viteritti, Pambianchi, Laaribi (R), D’Anna, Polak (C). Espulsi: al 27′ della ripresa allontanato il tecnico del Rende Trocini, al 43′ st D’Anna (C). Recupero: 1′ pt, 7′ st.

Related posts