Tutte 728×90
Tutte 728×90

Castrovillari, Miceli e Monteiro stendono l’Acri (2-1). Ora la Dattilo Noir

Castrovillari, Miceli e Monteiro stendono l’Acri (2-1). Ora la Dattilo Noir

La squadra di Ferraro chiude i giochi già nel primo tempo e rende vano l’acuto di Criniti nella ripresa dove l’Acri non sfonda. Nelle semifinali nazionali il Castrovillari troverà i siciliani il Dattilo Noir.

Inarrestabile Castrovillari! Raggiunge per la seconda volta in tre anni la fase interregionale dei playoff per salire in serie D e ora spera. La formazione di Ferraro si impone sull’Acri per 2-1 con le reti di Miceli (di testa) e di Monteiro (a margine di una grande discesa funambolica) e in semifinale trova la Dattilo Noir. A nulla è servita la fievole fiamma accesa dal gol di Criniti che, con lo scorrere dei minuti, è andata via via scemando.

LE SCELTE – Ferraro si affida alla freschezza e all’imprevedibilità del brasiliano Monteiro, schierato al posto di Musacco, affiancato dai soliti Catania e Canale. Torna dalla squalifica capitan Miceli, ma i rossoneri fanno a meno dell’uomo con più esperienza: De Simone, appiedato dal Giudice Sportivo per il rosso rimediato nella gara contro il Siderno. Gli ospiti scendono in campo con il solito 4-3-3, con il tridente offensivo composto da Petrone, Criniti e Nesticò. Atmosfera magica al “Mimmo Rende”, sold – out la tribuna centrale e come al solito la curva sud, cuore del tifo castrovillarese. Cospicua anche la presenza di supporter ospiti che occupano il settore di loro competenza.

UNO-DUE MICIDIALE – Come da pronostico è l’Acri che ha il pallino del gioco con i padroni di casa che rispondono di rimessa. La prima conclusione verso le parti di Lamberti arriva alla mezzora e il Castrovillari mette la freccia passando in vantaggio con capitan Miceli. Punizione dalla fascia sinistra scodellata in mezzo da Curcio, Miceli, in terzo tempo, s’insinua tra i difensori ionici insaccando di testa la rete dell’uno a zero. Tutto molto semplice per il re della palle inattive che segna sempre nei match cruciali, favorito anche dalla leggera marcatura acrese. Padroni di casa letali, perché purgano di nuovo la formazione di Mancini, letteralmente in bambola dopo la marcatura del numero sei castrovillarese. Questa volta è Monteiro, che al quarantesimo, ritorna al gol e lo fa in maniera sublime. Galoppata fino in fondo con palla incollata al destro, serpentina alla brasiliana e palla in buca d’angolo con Lamberti impassibile. Lupi che indirizzano sul binario giusto la partita mentre l’Acri è chiamato ad una vera e propria impresa.

ASSALTO STERILE – Nella seconda frazione Mancini dà sfogo alla velocità del giovane classe ‘99 Mazza per cercare di ribaltare il match. Detto, fatto. Al cinquantasettesimo su clamorosa dormita dei castrovillaresi trova il gol del 2-1 Criniti, che da dentro l’area scaglia una conclusione di destro imparabile per Di Cara. Nonostante il tempo a disposizione, gli attacchi degli ospiti non sortiscono gli effetti sperati e il 20 maggio contro la Dattilo Noir, con andata in Sicilia, a Paceco, ci sarà Ferraro con i suoi ragazzi. (Fabrizio Frasca)

 

CASTROVILLARI-ACRI 2-1
CASTROVILLARI:Di Cara, Corsaro, Akrapovic, Benincasa, Della Guardia, Miceli, Curcio (De Lucia 68’), Di Domenico, Catania, Monteiro (Musacco 67’), Canale; A disp: Caputo, Grosso, Auriemma, Sgueglia, Caligiuri; All: Ferraro
ACRI: Lamberti, Macagnone (Mazza 52’), Lamirata, Ferraro, Dodaro, Federico, Sposato (Vallone 66’), Bertini, Nesticò, Criniti, Petrone; A disp: Gencarelli, Perri, Conforti, Gradilone, Velletri; All:Mancini
MARCATORI:30’ Miceli (C),  40’ Monteiro (C), 57’ Criniti (A)
ARBITRO:Palmieri di Conegliano. Assistenti: Padovano di Lamezia Terme e Paradiso di Reggio Calabria.
NOTE:Circa mille spettatori, tra cui 40 ospiti. Ammonito: Criniti (A)

 

Related posts