Tutte 728×90
Tutte 728×90

Locali distrutti a Cosenza, accusa gravissima: truffa alle assicurazioni. Indagato il proprietario

Locali distrutti a Cosenza, accusa gravissima: truffa alle assicurazioni. Indagato il proprietario

Pensava di farla franca, facendo ricadere la colpa sulla criminalità organizzata che, secondo le prime informazioni raccolte dagli investigatori, aveva chiesto il pizzo al titolare dei due locali distrutti diverse settimane a Cosenza. Ed invece, la procura di Cosenza, grazie ai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza, ha scoperto un’altra verità. Che sia quella definitiva è ancora presto per dirlo, ma gli elementi raccolti finora portano in una direzione ben precisa.

La procura di Cosenza, infatti, ha iscritto nel registro degli indagati Gianfranco Parise, proprietario del Bar “Bilotti” in via Caloprese e di una tavola calda nei pressi della sopraelevata, locale chiuso da tempo.

I carabinieri sostengono che sia stato lui a far esplodere le due strutture che ospitano le attività commerciali, tentando di truffare l’assicurazione. Scene già viste a Cosenza negli anni scorsi quando la polizia scoprì che un bar prese fuoco per lo stesso motivo.

Eppure, la stessa notte della forte esplosione nei pressi di piazza Bilotti, gli investigatori avviarono una serie di perquisizioni domiciliari a carico di presunti sospettati, legati alla criminalità organizzata. Atto d’indagine scaturito ovviamente da indicazioni raccolte nelle ore successive ai due eventi criminosi. Oggi, tuttavia, la situazione sembra del tutto diversa e lontana anni luce da presunte richieste estorsive non andate in porto che avrebbero scatenato l’ira delle cosche le quali, come spiegavamo in altri approfondimenti sul caso in questione, non erano mai arrivate a tanto negli ultimi 20 anni di vita criminali cosentina.

L’inchiesta, dunque, rimane sul tavolo del procuratore capo Mario Spagnolo che intende andare ancora di più a fondo in una vicenda che potrebbe far emergere ulteriori elementi di carattere investigativo relativi alle presunte “cattive” intenzioni di Parise. (a. a.)

Related posts