Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, problemi in difesa. Il Sudtirol ha grattacapi in ogni reparto

Cosenza, problemi in difesa. Il Sudtirol ha grattacapi in ogni reparto

Il Cosenza rischia di perdere altri due elementi del pacchetto arretrato oltre allo squalificato Dermaku. Il Sudtirol, già senza Sgarbi, sarà privo di nuovo dei due calciatori di maggiore qualità.

Cosenza e Sudtirol giocheranno il loro match di ritorno senza i rispettivi perni difensivi. Squalificati Dermaku e Sgarbi, Braglia e Zanetti dovranno disegnare da zero le loro retroguardie. Siccome entrambi fanno della solidità difensiva la loro arma migliore, gli allenamenti di questi giorni si baseranno specialmente sulla fase di non possesso. Ogni errore, infatti, potrebbe risultare fatale.

Le due formazioni, però, hanno l’infermeria affollata. Se da un lato al Marulla è un solo un pacchetto ad essere interessato dalle terapie dei medici, in Alto Adige è dalla cintola in su che bisogna far fronte all’emergenza.

DIFESA DIMEZZATA. Con Dermaku squalificato, tengono banco le condizioni di Camigliano e Corsi. Il primo ha dato forfait dopo 1’ al Druso a causa di uno stiramento muscolare, il secondo è alle prese con una contrattura. Ci sono possibilità di vedere in campo solo il capitano, mentre è pressoché certo che Braglia non avrà a disposizione i due centrali titolari della post-season. Le riflessioni tattiche verranno approfondite in un altro articolo, ma le possibilità sono tre: dare fiducia a Paqualoni, adattare qualcuno nel ruolo di stopper, passare ad una linea a quattro. Per ciò che riguarda il terzino, invece, lo staff medico ha espresso fiducia con convinzione. Nel caso è pronto Boniotti che non ha mai sfigurato.

QUALITA’ CERCASI. Zanetti avrebbe preferito qualsiasi defezione tranne quella di Sgarbi, che tra i biancorossi ha la stessa valenza di Dermaku nonostante sia un ’97. In organico c’è solo un difensore pronto a prenderne il posto, Baldan. Non gioca da tre mesi a causa di una distorsione (ultima apparizione il 21 marzo col Mestre, ndr) e nelle ultime tre partite ha visto i suoi compagni lottare dalla panchina. Adattare qualcuno potrebbe risultare dannoso ed è difficile che ciò avvenga dal 1’, pertanto occhio a quando Baldan andrà in debito d’ossigeno: potrebbe essere il momento giusto per colpire. Nella gara di andata, intanto, il Sudtirol ha già fatto fronte a due assenze pesantissime. Berardocco e Gyasi sono i due elementi con maggiore qualità, rispettivamente regista e seconda punta al 90% salteranno pure il ritorno. Il playmaker spera in un 10% residuo, l’attaccante è già out. (a. c.)

Related posts