Tutte 728×90
Tutte 728×90

Siena “baciato” dalla fortuna a Catania. A Pescara però sarà senza 5 titolari

Siena “baciato” dalla fortuna a Catania. A Pescara però sarà senza 5 titolari

Era il 4 agosto 2008 quando Siena e Cosenza si apprestano a scendere in campo nel terreno di gioco della struttura alberghiera, situata alle porte di Norcia, che ospitava sia i toscani che il Benevento…

Era il 4 agosto 2008 quando Siena e Cosenza si apprestano a scendere in campo nel terreno di gioco della struttura alberghiera, situata alle porte di Norcia, che ospitava sia i toscani che il Benevento. Ma la prima amichevole di lusso del Cosenza targato Toscano non verrà disputata a causa degli scontri tra le due tifoserie che, sugli spalti, se le daranno di santa ragione.

PASSATO E PRESENTE. Oggi Cosenza e Siena si contendono un posto per andare in serie B. L’ultimo precedente giocato risale al 2003, proprio nella cadetteria, e il risultato fu di 1-0 per i bianconeri. Più in generale, i precedenti parano di tre vittorie dei Lupi, 6 pareggi e 7 sconfitte.

Nella doppia sfida contro il Catania il fattore “C” è stato dalla parte del Siena che, complessivamente, non meritava di arrivare fino in fondo. Nella gara di andata, è stato “premiato” da una papera di Pisseri e dall’imprecisione sotto porta degli attaccanti di Lucarelli, mentre ieri la squadra rossoazzurra ha dominato per 120 minuti, ribaltando il gol iniziale di Santini. Prima del triplice fischio, Lodi ha centrato la traversa su punizione a portiere battuto. Ai rigori decisivi gli errori dell’ex Blondett e di Mazzarani.

ORA PESCARA. Al Siena mancheranno cinque giocatori: i due terzini, Rondanini e Iapichino, entrambi espulsi, i due centrocampisti centrali Bulevardi e Gerli più l’attaccante Santini. Mignani dovrà rimescolare le carte e inventarsi un undici tutto nuovo. Confermerà il 4-3-3, ma chi affiancherà nel tridente a Marotta e Neglia? Potrebbe mettere in campo una formazione più prudente a protezione di una difesa che, senza dubbio, è il reparto meno forte della squadra? Staremo a vedere. (Antonio Alizzi)

Related posts