Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, c’è da mettere mano al San Vito. Gli ispettori stilano la lista dei lavori

Cosenza, c’è da mettere mano al San Vito. Gli ispettori stilano la lista dei lavori

L’ingegnere designato dalla Lega di B per il sopralluogo al Marulla è stato l’ex arbitro Longhi. Dagli spalti agli spogliatoi Palazzo dei Bruzi e il Cosenza dovranno intervenire a stretto giro di posta.

Il “San Vito Gigi Marulla” ha urgente bisogno di ulteriori lavori di ammodernamento per poter ricevere l’ok da parte della Lega a disputare in casa i match di Serie B. L’esito della prima visita degli ispettori ha prodotto una serie di indicazione a cui club e comune dovranno adempiere per arrivare preparati al 24 agosto, giorno in cui partirà il campionato.

Un primo sopralluogo è stato fatto questa mattina alla presenza dell’ex arbitro Carlo Longhi, ingegnere designato per il controllo dell’impianto di Via degli Stadi. Un secondo, invece, è durato fino a tarda sera per verificare la funzionalità dei riflettori usati di recente per le gare di playoff. In molti, infatti, avranno potuto scorgere il Marulla illuminato come domenica notte.

E’ stata stilata una lunga lista a cui Palazzo dei Bruzi e Guarascio dovranno mettere mano. Innanzitutto gli spogliatoi, inadeguati per come sono adesso. Urgono dei lavori che consentano il rispetto delle normative di base imposte dal regolamento. Manca la sala antidoping e la sala prelievi, mancano anche i seggiolini. Ne dovranno essere installati diverse migliaia così come vuole la Lega. C’è da mettere in conto, inoltre, anche dei secondi interventi di manutenzione sul rettangolo di gioco.

Con le ostilità che prenderanno il via quando ancora gli ombrelloni saranno aperti lungo le coste, la questione-Marulla non è un aspetto da sottovalutare. Nessuno vuole farlo e presto si vedrà grande movimento dalle parti del San Vito perché per l’esordio in Serie B serve il vestito buono, quello che il Cosenza chiuse nell’armadio nel 2003. (Antonio Clausi)

Related posts