Tutte 728×90
Tutte 728×90

“Ci hanno aiutato a casa nostra”. La Serie B di un Cosenza multietnico

“Ci hanno aiutato a casa nostra”. La Serie B di un Cosenza multietnico

Uno degli spot migliori del Cosenza promosso in Serie B è l’aver raggiunto il traguardo sfruttando il grande contributo di cinque calciatori che vantano altre nazionalità. 

Se ultimamente va di moda un discutibile “aiutiamoli a casa loro” o, peggio, “padroni a casa nostra”, a Cosenza gli slogan da campagna elettorale vanno al contrario e i sostenitori dei lupi possono vantarsi del contrario. Ieri mattina, in una sede cittadina della Cgil, qualche sindacalista ha appeso in un ufficio un simpaticissimo foglio con su scritto “ci hanno aiutato a casa nostra” e di seguito i volti dei calciatori stranieri dei rossoblù.

La componente multietnica della formazione allenata da Piero Braglia non è da sottovalutare ed è corretto evidenziare come, oltre a quella italiana, ci siano state in organico altre cinque nazionalità. Kristaps Zommers è un poertiere lettone che mostra con orgoglio le proprie radici, così come il difensore Kastriot Dermaku. Nato a Reggio Emilia, ha festeggiato la promozione con la bandiera dell’Albania legata sulle spalle ed ha reso felici le centinaia di fan del Cosenza di origine arbreshe. Anche Juan Manuel Ramos ha esultato a Pescara con il vessillo dell’uruguay, mentre Allan Pierre Baclet è diventato il simbolo dei playoff. Le sue origini non sono certo il Ghana ma la Guadalupa, isola delle Antille francesi. Da quando è in Italia ha preso l’accento di Castellammare di Stabia, ma è un dettaglio. Infine, David Chidozie Okereke e la sua danza nigeriana che è diventata simbolo di un video virale sulle note della canzone degli “Zabatta Staila”.
Cinque stranieri hanno contribuito a riportare in B il Cosenza dopo 15 dimostrando che l’integrazione non è una favola per pochi e che lo sport veicola messaggi del genere. Sul cartello appeso nella Cgil campeggiava un’altra frase: “Il razzismo è il luogo comune dove tutti gli stupidi si incontrano”. Come dargli torto? (Antonio Clausi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it