Serie B

Parma e Chievo, chiesta la B. Caos ripescaggi, ora in testa c’è il Novara

La Procura ha chiesto penalizzazioni per Parma e Chievo da applicare alle classifiche della scorsa stagione. Intanto il Novara ha vinto il ricorso al Tribunale Federale: è ripescabile ed è la prima in graduatoria.

Parma e Chievo tremano. Nella giornata dei procedimenti sportivi davanti al Tribunale federale nazionale della Federcalcio, la procura guidata da Giuseppe Pecoraro ha usato la mano pesante contro le due società di Serie A, sotto accusa per motivi diversi ma con una paura comune, ovvero perdere il diritto di partecipare al massimo campionato di calcio.

QUI PARMA. Per il Parma, chiamato in causa per responsabilità oggettiva in relazione al presunto tentato illecito commesso dal suo attaccante Emanuele Calaiò alla vigilia dell’ultimo, decisivo match contro lo Spezia, la procura ha avanzato una richiesta sanzionatoria articolata: 2 punti di penalizzazione da scontare nel campionato di B appena concluso, che si tradurrebbero nella perdita della promozione diretta (con eventuale promozione del Palermo, ammesso al processo come parte interessata), o in subordine 6 punti da scontare nella prossima stagione in Serie A.  «Ma noi riteniamo che la sanzione debba essere applicata alla stagione appena conclusa per essere afflittiva» ha osservato il procuratore federale aggiunto Gioacchino Tornatore. «La richiesta della procura è incomprensibile – ha replicato il legale del Parma  Eduardo Chiacchio – sono esterrefatto. Cosa può fare una società di fronte a un sms? Qual è il potere di controllo? E poi la procura non considera un aspetto: pur con due punti di penalizzazione nell’ultima Serie B, il Parma avrebbe comunque il diritto di giocare i play off».   Per il legale del club ducale, tra l’altro, i messaggi inviati da Calaiò ai calciatori dello Spezia, suoi ex compagni di squadra, non rappresenterebbero un tentato illecito perché non sono stati percepiti in tal modo dai colleghi. «Se il comportamento di Calaiò è illecito allora andiamo tutti al mare perché tutte le partite sono illecite – ha  rimarcato Paolo Rodella, legale del calciatore che poi ha voluto prendere la parola – Mi sono sempre comportato da professionista ha sottolineato Calaiò Sono un esempio per i giovani, ho sempre insegnato loro il rispetto, la lealtà e la correttezza. Non ho mai pensato di alterare il risultato della sfida contro lo Spezia: ho passato un’estate infernale, orribile, con i miei figli che mi chiedevano spiegazioni. Non lo auguro a nessuno».  Il tribunale, presieduto da Marco Antonio Scino, ha raccolto tutti gli atti e dovrebbe prendere una decisione entro fine settimana o al più tardi all’inizio della prossima.

QUI CHIEVO. Tempi simili sono previsti per la decisione del collegio, presieduto in questo caso da Roberto Proietti, sulla questione relativa alle presunte plusvalenze fittizie tra Chievo e Cesena. La procura federale ha avanzato richieste pesanti, ben 15 punti di penalizzazione (cinque per ogni bilancio sospetto tra il 2014/15 e il 2016/17) per entrambe le società e addirittura 36 mesi di inibizione per il presidente del club veneto Luca Campedelli. Se però il Cesena è ormai certo del fallimento e dunque relativamente interessato alle sorti del procedimento sportivo (ma Entella e Ternana sono alla finestra perchè speranzose nel ripescaggio in B), il Chievo è in ansia: se il tribunale confermasse l’impianto accusatorio, la società veneta dovrebbe ripartire dalla Serie B con il probabile ripescaggio del Crotone in A.

RIPESCAGGI. La strada sembrava spianata per il ripescaggio di Siena e Ternana, ma ieri pomeriggio il Tribunale Federale ha cambiato le carte in tavola accogliendo il ricorso del Novara. Il Tribunale, infatti, ha annullato la norma che escludeva dalla corsa ai posti vacanti le società che avevano scontato una penalizzazione per irregolarità amministrative nelle ultime tre stagioni. Proprio questo “cavillo” aveva fatto fuori il Novara (2 punti di penalizzazione nella stagione 15-16) che, adesso, balza in testa alla graduatoria di ripescaggio. I piemontesi, quindi, potrebbero essere riammessi in Serie B insieme al Siena che, attualmente, si trova davanti alla Ternana nella graduatoria.

 

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina