Tutte 728×90
Tutte 728×90

Foggia, la penalizzazione passa da -15 a -8

Foggia, la penalizzazione passa da -15 a -8

La corte federale d’appello della Federcalcio ha ridotto da 15 a 8 i punti di penalizzazione al Foggia per il prossimo campionato di serie B, e ha tolto i tre mesi di squalifica all’ex tecnico De Zerbi.

Accolto in modo parziale il ricorso del Foggia. La corte d’appello della Federcalcio ha ridotto da 15 a 8 i punti di penalizzazione al Foggia per il prossimo campionato di Serie B. Sono stati tolti inoltre i tre mesi di squalifica all’allenatore De Zerbi. La decisione, valida per il secondo grado di giudizio, modifica quella dei 15 maggio scorso nel quale, il Foggia era stato deferito insieme a 37 soggetti tra dirigenti, calciatori e tecnici: «Per avere reimpiegato nell’attività gestionale e sportiva nel corso delle stagioni sportive 2015/2016 e 2016/2017 un importo monetario molto ingente, sia a mezzo di bonifici, sia a mezzo di denaro contante, proventi di attività illecite di evasione e/o elusione fiscale, alcune delle quali integranti anche reato».

La Corte ha respinto il ricorso del Procuratore federale e dichiarato inammissibile quello della Virtus Entella, accogliendo invece i ricorsi e per l’effetto annullando la squalifica di 3 mesi inflitta agli ex tesserati del Foggia Pietro Arcidiacono, Alejandro Benitez Sanchez, Angelo Mariano De Almeida, Luca Martinelli, Marcattilio Marcattili, Vincenzo Teresa, Davide Possanzini e Roberto De Zerbi. Parzialmente accolti infine i ricorsi di Fedele Sannella e Domenico Francesco Sannella, le cui inibizioni sono state ridotte rispettivamente da 5 a 3 anni e da 4 anni ad 1 anno.

«La società Foggia Calcio – si legge in una nota – prende atto della sentenza emessa in data odierna dalla Corte di appello federale che applica la sanzione della penalizzazione di 8 punti in classifica da scontare nella stagione sportiva 2018/2019.  Confermando la piena fiducia nella giustizia sportiva, che non è mai venuta a mancare nel corso dell’intero procedimento, il club si riserva, alla lettura delle motivazioni, ogni ulteriore valutazione».

Related posts