Tutte 728×90
Tutte 728×90

Seminara, la ‘ndrangheta uccide ancora: assassinato uomo della cosca Gioffrè

Seminara, la ‘ndrangheta uccide ancora: assassinato uomo della cosca Gioffrè

Un pregiudicato, Giuseppe Fabio Gioffrè, di 39 anni, presunto esponente dell’omonima cosca di ‘ndrangheta, è stato ucciso in un agguato in un terreno di sua proprietà in località “Venere” di Seminara.

Nell’agguato è rimasto gravemente ferito un bambino di nazionalità bulgara di dieci anni che si trovava accanto a Gioffrè e che è stato ricoverato con prognosi riservata negli “Ospedali riuniti” di Reggio Calabria.

A compiere l’agguato sarebbero state due persone che erano armate di fucili caricati a pallettoni. Gioffrè, colpito in parti vitali, è morto all’istante.

Il bambino, che era accanto a lui, è stato colpito da uno dei pallettoni sparati dagli assassini, che si sarebbero allontanati a piedi nelle campagne circostanti. Un territorio comunque molto complesso e probabilmente ideale per far perdere le tracce.

Il bambino poi è stato soccorso da alcune persone che sono accorse sul posto, richiamate dai colpi di fucile, e portato d’urgenza in ospedale. Indagano i carabinieri della Compagnia di Palmi che sono in continuo collegamento con la Dda di Reggio Calabria per capire e valutare se l’omicidio sia maturato in un contesto mafioso, così come viene ipotizzato al momento, o se la vittima abbia commesso qualche errore a titolo personale, così caro da pagarlo con la morte.

In un caso il fascicolo passerebbe alla Dda di Reggio Calabria che indagherebbe sulla morte di Gioffrè, tentando di salire ai mandanti e agli esecutori materiali del delitto, nel secondo caso cambierebbe solo la competenza territoriale che per Seminara spetta alla procura di Palmi.

Tuttavia, il procuratore capo Giovanni Bombardieri è in costante aggiornamento con gli investigatori della Compagnia carabinieri di Palmi per la posizione del bambino di 10 anni, attualmente in gravi condizioni e per il quale i medici dell’ospedale di Reggio Calabria stanno facendo il possibile per evitare il peggio.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it