Tutte 728×90
Tutte 728×90

Tutino: «Al Carpi per il rapporto che ha col Napoli, me lo ha consigliato Giuntoli»

Tutino: «Al Carpi per il rapporto che ha col Napoli, me lo ha consigliato Giuntoli»

Gennaro Tutino dal ritiro ha parlato anche della sua ultima avventura al Cosenza: «Orgoglioso di quanto fatto in rossoblù. Sono al Carpi per i rapporti che ha col Napoli, Giuntoli mi ha consigliato di venire qui».

Gennaro Tutino la settimana scorsa ha messo il punto alla telenovela dell’estate che lo ha visto in ballo tra Pescara, Cosenza e Carpi. Alla fine ha scelto gli emiliani. “Le prime impressioni del gruppo sono ottime, mi hanno accolto alla grande e anche il mister, lo staff e il presidente sono tutte persone preparate e sono contento di essere qui» ha detto dal sito ufficiale biancorosso.

Tutino però riavvolge il nastro e spiega la trattativa. «Voglio ricordare in modo positivo quello che abbiamo fatto a Cosenza di cui sono orgoglioso, è stato qualcosa di importante e porterà Cosenza per sempre nel cuore. Ma sono un professionista, si va avanti, ma è stata un’estate non facile per me perchè sono stato accostato a tante squadre e non è stato facile per me – ha detto – Ho scelto Carpi anche per i rapporti che ci sono col Napoli, il direttore Giuntoli mi ha parlato benissimo di questa piazza dove lui ha fatto cose importanti. Mi ha consigliato di venire qui per crescere e per cercare un giorno di tornare a Napoli».

Tutino sa che non avrà il posto garantito. «Naturalmente mi devo conquistare il posto e fare bene, dovrò dare del mio meglio, dare tutto come ho sempre fatto e vedere se un giorno meriterò la maglia del Napoli –  Tatticamente posso giocare in più ruoli offensivi: esterno, sotto la punta o anche attaccante centrale di movimento. Preferisco giocare davanti senza dare punti di riferimento, giostrando per il fronte offensivo ovviamente su indicazioni del mister». Quest’anno mi aspetto di crescere soprattutto sull’aspetto della continuità che è quello che mi è mancato negli ultimi anni, so che non sarà facile perchè la B è un campionato difficile che non ho praticamente mai fatto. Voglio dare del mio meglio, qui si lavora tanto e bene, voglio solo crescere senza darmi obiettivi. L’unica cosa che dico è che darò sempre tutto sia in allenamento che in partita».

Related posts