Dalla CalabriaPolitica

«Occhiuto dirotta i soldi destinati alle Periferie per sistemare Corso Mazzini»

– di Carlo Guccione*

Circa cinque milioni di euro destinati alla “Riqualificazione San Vito Basso” improvvisamente vengono dirottati per abbellire e terminare la pavimentazione di Corso Mazzini.

Una delibera di Giunta Comunale – la n.131 del 24 luglio 2018 – va a variare l’Ambito di Intervento 3 destinato, fino a qualche tempo fa, a migliorare la qualità della vita di San Vito Basso. Una “manovra” resa esecutiva a fine luglio che modifica ciò che era stato stabilito dal “Bando per la presentazione di progetti per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle Periferie”, così come previsto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nello specifico i contributi per riqualificare le periferie erano fondi del 2016, stanziati dal Governo Renzi e grazie a numerose battaglie Cosenza non è stata esclusa dal finanziamento.

Oggi accade che, invece di avviare gli interventi per far crescere e riqualificare le aree più abbandonate della città, si utilizzano i fondi per il “salotto buono”, dimenticandosi però di tutta una parte della città costretta a dover fare i conti con il degrado, la sporcizia e la povertà, dove centinaia di persone vivono in alloggi fatiscenti.

Lo scorso mese di aprile, il sindaco Mario Occhiuto elogiava il progetto ammesso al finanziamento “Valorizzazione dei quartieri e rigenerazione urbana: le periferie come nuove Porte della Città di Cosenza”, inserendo all’interno dell’ambito di intervento 3 la “Riqualificazione di San Vito Basso, mediante la realizzazione di un’area mercatale e di servizi e attrezzatture sportive, oltre al miglioramento della viabilità e del verde urbano. Importo complessivo di euro 4.976.350,99. Soldi che però verranno ora in parte utilizzati per i lavori di pavimentazione di un tratto di Corso Mazzini e per i lavori di sistemazione e rifunzionalizzazione della piazza Sagrato della Chiesa di San Domenico. E per la riqualificazione di San Vito Basso? Resterà un contributo ministeriale di euro 48.726,93.

Ecco nel dettaglio come saranno redistribuiti i soldi.

L’Ambito di Intervento 3 del progetto originale prevedeva per la riqualificazione di San Vito Basso una spesa complessiva di € 4.976.350,99, di cui € 1.818.761,99 sui fondi previsti dal Ministero (DCPM del 25/05/2016), € 1.000.000,00 sui fondi dell’amministrazione comunale e € 2.157.589,00 come cofinanziamento privato. Progetto approvato dalla Giunta comunale il 20 aprile 2018.  Ma ecco che, improvvisamente, “vista la necessità” di procedere – secondo quanto spiegato dalla delibera del 24 luglio – al completamento di ulteriori opere già programmate dall’Amministrazione, si è proceduto a dividere i contributi previsti esclusivamente per la riqualificazione di San Vito Basso con altri due tipi di interventi che, però, non riguardano più le periferie.

L’importo destinato a San Vito Basso diventa € 2.886.350,99 (originariamente erano € 4.976.350,99). La maggior parte di questi soldi però derivano dal cofinanziamento privato, mentre è stata dirottata quasi tutta la cifra del contributo Ministeriale (alla riqualificazione di San Vito Basso vengono destinati € 48.726,93, mentre la cifra iniziale era di € 1.818.761,99). Il resto dei fondi del Ministero verrà ora utilizzato per i “Lavori di sistemazione e rifunzionalizzazione della piazza Sagrato del complesso monumentale Chiesa di San Domenico”, a cui sono destinati 590mila euro. Mentre i soldi rimanenti del Ministero – € 1.180.035,06 – sono stati dirottati per i “Lavori di pavimentazione del tratto di Corso Mazzini (tra Viale Trieste, corso Umberto e Piazza XX Settembre) a sostegno della musealizzazione e valorizzazione del Museo all’Aperto Bilotti”. Lavori che verranno completati con un importo complessivo di un milione e mezzo (oltre ai soldi del Ministero è stato previsto un cofinanziamento comunale di € 319.964,94).

*consigliere comunale

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina