Tutte 728×90
Tutte 728×90

Tentata rapina alle Poste di Donnici, i carabinieri fermano due persone

Tentata rapina alle Poste di Donnici, i carabinieri fermano due persone

I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cosenza, nella mattinata odierna, hanno dato esecuzione al fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Cosenza, nei confronti di un 37enne ed un 41enne di Cosenza, entrambi con precedenti, ritenuti responsabili dei reati di tentata rapina aggravata in concorso, lesioni personali e ricettazione.

In particolare lo scorso 31 luglio, dopo aver atteso la chiusura dell’ufficio postale di Donnici, i due avrebbero aggredito la dipendente mentre era in procinto di serrare la porta d’ingresso, percuotendola e strattonandola verso l’interno, al fine di perpetrare una rapina.

La dura reazione della donna e le forti grida di aiuto facevano però infine desistere i malfattori che tentavano la fuga a bordo di un’auto, oggetto di furto, dirigendosi verso Cosenza.

La pronta reazione dei carabinieri, che cinturavano l’area con posti di blocco presso le vie di fuga, ha permesso però di rintracciarli sul lungo fiume boulevard mentre tentavano di allontanarsi, a piedi, dopo aver abbandonato il mezzo. Fermati, venivano svolti nell’immediatezza gli accertamenti del caso.

Il successivo approfondimento investigativo da parte dei carabinieri ha consentito di collezionare ulteriori gravi e concordanti indizi di reità nei confronti dei predetti che sono stati refertati alla Procura bruzia la quale, concordando con i carabinieri, ha emesso il provvedimento di fermo.

Rintracciati e dichiarati in stato di fermo nella mattinata odierna, il 37enne ha posto resistenza barricandosi in casa e, una volta acceduto grazie all’intervento dei vigili del fuoco, ha aggredito i militari visivamente alterato forse dall’assunzione di sostanze alcoliche o stupefacenti.

Infine, con l’ausilio di personale sanitario è stato riportato alla calma e, unitamente al 41enne, sono stati tradotti presso la locale casa circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria cittadina. Il 37enne dovrà però rispondere anche del reato di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Related posts