Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cetraro, spaccio di droga: i carabinieri arrestano un 51enne

Cetraro, spaccio di droga: i carabinieri arrestano un 51enne

I carabinieri della Compagnia di Paola, sotto il costante coordinamento della Procura della Repubblica, diretta dal Procuratore Pierpaolo Bruni, a seguito delle direttive del Comandante Provinciale dei Carabinieri, Tenente  Colonnello Piero Sutera – hanno incrementato le attività di contrasto allo smercio al dettaglio di sostanze stupefacenti. I militari hanno arrestato un 51enne di Cetraro, noto alle Forze dell’Ordine per varie fattispecie di reato.

I carabinieri della Compagnia di Paola – Nucleo Operativo e Radiomobile – hanno tratto in arresto P. M., 51enne di Cetraro, noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

I militari, impegnati in articolate attività di controllo del territorio, in fascia oraria notturna e nell’area del centro abitato di Cetraro – con il supporto di personale del Nucleo Carabinieri Cinofili di Vibo Valentia – hanno proceduto al controllo un’autovettura di grossa cilindrata. La vettura, condotta dal 51enne P.M., stava procedendo a velocità sostenuta sulla Strada Statale 18, con direzione sud.

Dopo essere stato fermato, il 51enne ha iniziato ad assumere un atteggiamento nervoso e, comunque, sospetto per le circostanze di tempo e di luogo. Una simile situazione ha insospettito i carabinieri operanti che hanno deciso di approfondire il controllo del veicolo in uso all’uomo.

L’accurata perquisizione, condotta con l’ausilio di Collins – pastore tedesco in forza al Nucleo carabinieri Cinofili di Vibo Valentia, specializzato nella ricerca di sostanze stupefacenti – ha consentito di rinvenire, occultati nei vani di uno degli sportelli laterali, 2 involucri del peso complessivo di 1,120 chilogrammi, contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina.

L’arrestato, terminate le formalità di rito, su disposizione del sostituto procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Paola, coordinata dal Procuratore Pierpaolo Bruni, è stato tradotto presso il carcere di Paola.

Related posts