Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Cosenza ritrova due ex, Braglia cerca la rivincita sulla Cremonese

Il Cosenza ritrova due ex, Braglia cerca la rivincita sulla Cremonese

La Cremonese soffiò la promozione in B al tecnico del Cosenza quando allenava l’Alessandria e punta forte su Ravaglia e Castagnetti, che da quando ha lasciato il Marulla è stato promosso due volte in A.

La Cremonese è la squadra che regalò a Braglia una delle più cocenti delusioni della sua carriera. Quando due stagioni fa era alla guida dell’Alessandria, i grigi erano sicuri di centrare il salto di categoria a margine di un avvio di campionato favoloso. I lombardi però nella parte centrale della stagione iniziarono a rosicchiare punto su punto, generarono l’esonero del tecnico toscano e alla fine superarono i piemontesi all’ultima curva. Domani allo Zini per l’allenatore del Cosenza, che ha avuto una parentesi da calciatore anche in grigiorosso, c’è voglia di rivincita.

I rossoblù, tuttavia, ritroveranno due elementi che sono transitati in riva al Crati nei passati campionati: il portiere Ravaglia e il centrocampista Castagnetti. Il numero uno difese i pali dei Lupi nel 2014-2015 nel primo campionato di Prima divisione a margine della risalita targata Guarascio. Ha lasciato un ricordo sicuramente positivo e anche lui è rimasto affezionato alla piazza che gli manifestò a più riprese il suo calore. In estate passò proprio alla Cremonese, club che non ha più lasciato.

Castagnetti, invece, non riuscì ad esprimere il suo valore al Marulla. Lo scelse Ciccio Marino in Seconda divisione, annata 2013-2014. Il tecnico era Cappellacci che gli diede fiducia in appena 10 occasioni. Chiese e ottenne di poter andare via a Natale e la società lo accontentò. Da quel giorno per lui tre promozioni: una in B con la Spal, due in Serie A con i ferraresi e con l’Empoli. Tutte da protagonista assoluto come lo è adesso nello scacchiere tattico di Mandorlini. (Francesco Pellicori)

 

Related posts