Tutte 728×90
Tutte 728×90

5 trasferte=1500 km in Seconda Categoria! Lo strano caso dell’Asd Riviera dei Cedri

5 trasferte=1500 km in Seconda Categoria! Lo strano caso dell’Asd Riviera dei Cedri

I tirrenici, a sorpresa, sono stati inseriti nel Girone B, che fa capo alla delegazione distrettuale di Rossano e dovranno sobbarcarsi trasferte lontanissime. Lo stupore della società ed i tentativi andati a vuoto con la Lega.

 

Erano giorni d’attesa per le 63 formazioni calabresi pronte a disputare il prossimo campionato di Seconda Categoria. Giovedì scorso, con il comunicato ufficiale n.36, il Comitato Regionale Calabria ha svelato la composizione dei 5 gironi. Il torneo avrà inizio il prossimo 14 ottobre. Nella ridente città di Santa Maria del Cedro però, situata nell’alto Tirreno cosentino, i dirigenti della squadra locale, l’Asd Riviera dei Cedri, hanno quanto meno strabuzzato gli occhi, nel momento in cui hanno letto la composizione del loro girone. Non più, come  lo scorso anno nella loro collocazione naturale, ovvero il Girone B, gestito dalla delegazione distrettuale di Cosenza, ma bensì nel Girone A, gestito dalla delegazione distrettuale di Rossano. Ma andando a leggere le altre undici squadre facenti parte dello stesso girone, lo stupore aumenta ancora di più. Insieme ai tirrenici infatti ecco Malvito, Fagnano, Cerzeto, Lauropoli, Sandemetrese e Spezzano Albanese. Ma anche Cariatese, Amica Rossano, Cropalati, Calopezzati e Cirò Marina. Paesi, questi ultimi cinque, situati dall’altra parte della Calabria che distano rispettivamente in km: 157, 131, 144, 146 e 181. Moltiplicando questa distanza per due, tra andata e ritorno, si arriva ad un totale di 1518 km da percorrere per sole 5 trasferte. Distanze accettabili se si disputasse un campionato d’Eccellenza, ma non certo per un torneo poco più che amatoriale come la Seconda Categoria. Una decisione illogica delle Lega, che penalizza in modo esagerato la squadra tirrenica. Sia a livello economico che organizzativo.

Tra l’altro la sorpresa è stata maggiore, visto che nessuno, prima di giovedì, ha pensato di avvisare i dirigenti dell’Asd Riviera dei Cedri, per paventare questa incredibile decisione. Fino a ieri sera i contatti con i vertici regionali della Lega sono stati continui per provare in qualche modo a trovare una soluzione. Pare che siano state contattate le squadre del Girone B, quello cosentino, ma nessuna ha dato la propria disponibilità per cambiare girone. L’alternativa sarebbe stata solo quella di rinunciare al campionato. Ma dopo aver pagato per intero l’ iscrizione (circa 3000 euro), ed aver già speso i soldi per il vestiario tecnico della squadra (circa 2000 euro), i dirigenti della squadra tirrenica non hanno voluto tirarsi indietro e disputeranno regolarmente il campionato nonostante la grandissima amarezza. Di certo, non ci resta che augurare quanto meno buona fortuna all’Asd Riviera del Cedri, per l’inizio di questo campionato di Seconda Categoria. (Alessandro Storino)

 

Related posts