Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rende, droga all’Unical: ritorna in libertà il pusher egiziano

Rende, droga all’Unical: ritorna in libertà il pusher egiziano

Il pusher Abdalla Moamen, di soli venti anni d’età e di nazionalità egiziana, era stato arrestato venerdi sera dall’Unità cinofila della Polizia di Stato di Vibo Valentia in seguito al rinvenimento di un quantitativo di quasi un chilo di marjiuana, ben sudiviso e pronto per essere smerciato nei pressi dell’Ateneo calabrese di Arcavacata.

Le forze dell’Ordine avevano fatto irruzione nell’abitazione del giovane pusher, rinvenendogli ben cinquemila dosi di stupefacente accuratamente conservate in buste di cellophane accuratamente sigillate. L’attenzione delle forze dell’ordine si è subito concentrata sul taccuino che aveva in dosso lo spacciatore, in cui sono stati rinvenuti i nomi di decine e decine di acquirenti della marijuana, in ordine ai quali la magistratura sta svolgendo, in queste ore, ulteriori indagini.

Immediatamente arrestato e tradotto dinanzi al Tribunale di Cosenza per il rito direttissimo, il giovane egiziano, difeso dall’avvocato Luca Le Pera, si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande postegli dalla Magistratura ed ha subito avanzato richiesta di definizione del processo con il patteggiamento, in questo modo evitando l’applicazione della misura cautelare. Il patteggiamento alla pena di anni uno e mesi otto, difatti, ha consentito all’imputato, incensurato, di ottenere la sospensione della pena e, dunque, l’immediata remissione in libertà.

E’ da evidenziare la particolare circostanza relativa all’arresto dello spacciatore: difatti, le forze dell’Ordine sono state allertate da una segnalazione pervenuta agli uffici della Polizia di Stato mediante la nuova app utilizzata sugli smartphone e denominata YOU POL. La segnalazione conteneva l’indicazione del luogo, nei pressi dell’Unical, in cui eseguire le ricerche.

Related posts