Tutte 728×90
Tutte 728×90

Tutino superstar del Marulla. Il Cosenza annichilisce il Foggia (2-0)

Tutino superstar del Marulla. Il Cosenza annichilisce il Foggia (2-0)

Una doppietta di Tutino permette al Cosenza di conquistare il primo successo in campionato. Il Foggia si è reso pericoloso solo in un’occasione, il Marulla applaude convinto.

Che Tutino fosse la star del Cosenza, si sapeva. Se ancora qualche dubbio aleggiava in seno alla tifoseria sull’apporto che lo scugnizzo potesse dare alla causa in Serie B, è stato fugato a margine di una doppietta che rilancia la squadra in classifica e le permette di centrare la prima, storica, vittoria tra i cadetti a distanza di 15 anni. Il Foggia non è pervenuto, nulla che giustificasse i timori della vigilia si è palesato all’ombra della Sila. Grassadonia esce sconfitto dal confronto con Braglia e ridimensiona, forse, le aspettative dei pugliesi.

Alla lettura delle formazioni si capisce subito come Braglia si posizioni a tre dietro. Sono però due 3-5-2 atipici dove Tutino e Galano agiscono alle spalle di Maniero e Mazzeo, in più Garritano funge maggiormente da trequartista che da mezzala. Se il Cosenza deve rinunciare a Trovato, Capela, Schetino, Di Piazza e Perez, il Foggia non può fare affidamento sul solo Camporese sostituito da Tonelli al centro della difesa. Il tecnico ospite, ad ogni modo, non si aspettava un avversario così aggressivo ed aspetta l’intervallo per cercare di mettere inutilmente mano alla cosa.

INTENSITA’ E OCCASIONI. Mungo, il vertice basso del centrocampo dei Lupi, ci prova subito dalla distanza con una sassata e, più in generale, i padroni di casa non mostrano alcun timore reverenziale nei confronti degli ospiti. Pressano alti, non tirano indietro la gamba nei contrasti e, soprattutto, non danno il tempo a Galano di ragionare tra le linee. Tutino parte largo a destra per poi tagliare verso il centro: è una posizione che dà fastidio a Kragl, chiaramente portato solo ad offendere, e a Loiacono che non tarda a beccarsi un giallo. E’ da quella fetta di campo che Garritano confeziona un assist ancora per Mungo che spara alle stelle da una posizione invitante. Il Cosenza insiste e Legittimo sugli sviluppi di un corner chiama Bizzarri al miracolo: gli uomini di Braglia nella prima mezzora sono padroni assoluti del campo.

IL VANTAGGIO. Al 31’, tuttavia, il Foggia appena mette il naso fuori dalla propria trequarti si rende pericolosissimo con Galano: palo clamoroso. La gara è bellissima e sul capovolgimento di fronte Tutino viene stesso in area dopo un’azione travolgente di Maniero: rigore. Il capocannoniere si fa parare il penalty, ma sul tap-in Tutino fa esplodere il Marulla per il meritato vantaggio. L’1-0 è legittimato da una sforbiciata di Garritano che meritava migliore sorte. Al rientro dagli spogliatoi i Satanelli cercano di cambiare registro, ma non vanno oltre qualche calcio d’angolo e lasciano dopo poco il controllo del gioco ancora ai Lupi.

EUROGOL. Grassadonia al 18’ leva Loiacono e mette dentro Chiaretti passando così al 4-3-2-1, ma serve a poco perché Tutino è in giornata di grazia. Il fantasista campano prima rifiata un po’, poi dà saggio di tutta la sua classe facendo venire giù il Marulla con un gol da cineteca. Assist di Corsi, rimasto oltre confine dopo una sortita, ed esterno destro a giro a lasciare di stucco Bizzarri. L’ovazione dello stadio, quando lascia il posto a Baclet, è più che meritata. Proprio dal francese, purtroppo, arriva l’unica nota stonata dalla giornata: abbandona la contesa prima del tempo dopo un colpo alla testa. (Antonio Clausi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it