Tutte 728×90
Tutte 728×90

Campionato a 22 squadre, le possibili decisioni della Lega di B

Campionato a 22 squadre, le possibili decisioni della Lega di B

Oggi alle 14 l’assemblea del campionato cadetto. Sei società di Serie C aspettano di essere ripescate in Serie B, ma dopo 8 giornate sarà un caos…

Una cosa è certa: Fabbricini, l’ex commissario straordinario della Figc, e il numero uno della Serie B Mauro Balata sono stati messi in un angolo. La loro coraggiosa decisione estiva, da qualcuno definita un golpe, rischia di naufragare oggi pomeriggio alle 14 quando lo stesso Balata dirigerà l’assemblea straordinaria della lega che dirige. Questo dopo aver incassato ieri una doppia mazzata: la sentenza del Tar che dà ragione alla Pro Vercelli e altre e la decisione della Federazione di non ricorrere al Consiglio di Stato. Che Gravina appena eletto non sarebbe stato tenero con lui, tuttavia, era nell’aria.

RISARCIMENTI. Per strappare circa 700mila euro in più a squadra, i presidenti della Lega di Serie B sposarono a braccia aperte l’idea di bloccare i ripescaggi. Adesso invece è chiaro che dovranno mettere mano al portafogli in un modo o nell’altro.  Perché con la Serie B a 22 squadre non solo la ripartizione di proventi della Legge Melandri andranno divisi in modo differente, ma probabilmente saranno costretti a giocare ogni tre giorni con tre trasferte in più da affrontare e con tre match casalinghi da organizzare oltre al previsto.  Allora c’è chi ha già fatto sapere di essere disposto a fare qualche sacrificio per limitare i danni. Come? Trattare con le ricorrenti una sorta di indennizzo che le convinca a ritirare i ricorsi e restare in C.

CHI VIENE RIPESCATO? Su chi e come debba riportare la Serie B a 22 squadre e, soprattutto, su chi e come debba stabilire quali squadre andranno ripescate c’è ancora molta incertezza. Sul format, i giudici amministrativi hanno invece dato un’indicazione chiara: deve essere ripristinato quello vecchio. Così Pro Vercelli, che ha guidato la battaglia con successo, Novara, Catania, Entella, Ternana e Siena ora bussano alla porta di Balata. Tra queste ce n’è una che ha ricevuto una pacca sulle spalle dal ministro Giorgetti: è la Virtus Entella che ancora non conosce il suo torneo di appartenenza e non ha mai giocato.

 

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it