Tutte 728×90
Tutte 728×90

Braglia: «Non posso dire nulla ai miei ragazzi. Cosenza, sii più furbo»

Braglia: «Non posso dire nulla ai miei ragazzi. Cosenza, sii più furbo»

L’allenatore del Cosenza evidenzia: «Abbiamo fatto la partita che abbiamo preparato, non so perché sia stato annullato il gol a Maniero». Braglia non parla, poi, della questione portiere.

Braglia è molto amareggiato per la sconfitta rimediata in quel di Brescia dal suo Cosenza. I Lupi non sono riusciti a tornare neanche con un punto. Ma, tralasciando il risultato, i silani hanno sfoderato una prestazione sopra le righe. I centrocampisti rossoblu impedivano ai dirimpettai biancoazzurri di condurre una limpida manovra di gioco, mentre la retroguardia si dimostrava attenta a sventare le azioni delle Rondinelle. E’ stato un episodio, che a questi livelli, ma in generale nel mondo del calcio, può essere fatale andando a stracciare il buon calcio esplicitato. Saracco, uscendo a “farfalla”, ha aperto le porte della vittoria alla testa di Torregrossa, che non si è sottratto e ha infilato il pallone della prima vittoria del Brescia senza, tra l’altro, subire gol.

«Noi abbiamo fatto la gara che abbiamo preparato – afferma il mister Piero Braglia dai ripetitori di Jonica Radio -. Siamo stati pericolosi con Maniero. Non so perché ci abbiamo annullato quel gol nel primo tempo. Ho molti dubbi al riguardo. L’errore di Saracco, l’unico commesso oggi, ci è costato caro. Noi siamo riusciti a gestire la partita a grandi linee. Ai ragazzi non dico nulla, solo che ci vorrebbe un po’ di furbizia in più».

Braglia non nasconde il suo tentativo di rientrare in Patria con tutto il bottino del castello bresciano. «Noi abbiamo cercato di vincere la partita, inserendo Baez anche perché il Brescia si apriva nel mezzo con le mezze ali. Il portiere? Non posso dire nulla al momento, è appena finita la partita. Vedremo nei prossimo giorni. Dispiace tanto per l’errore, anche perché aveva fatto un bel intervento su Morosini. Comunque è molto fastidioso».

Il Cosenza ha poco tempo per archiviare la sconfitta lombarda e attrezzarsi per l’imminente impegno contro il Pescara di Pillon, capolista ma oggi perdente tra le mura amiche ad opera del Cittadella: «Contro il Pescara dovremo fare una grande partita. Spero che la gente vede la prestazione, al di là del risultato. Mi aspetto un grande pubblico sulle tribune». (Giulio Cava)

Related posts