Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pesaro, agguato di ‘ndrangheta: ucciso fratello di un pentito

Pesaro, agguato di ‘ndrangheta: ucciso fratello di un pentito

Un uomo di 50 anni, Marcello Bruzzese, ucciso in pieno centro a Pesaro: a sparargli sarebbero stati in due.

L’uomo sarebbe fratello di un collaboratore di giustizia, Girolamo Biagio Bruzzese, e avrebbe cambiato residente da circa tre anni.

L’agguato di stampo mafioso (nella foto tratta da Il Resto del Carlino) è avvenuto intorno alle 18.30 in via Bovio. I due killer incappucciati avrebbero usato pistole automatiche ed esploso oltre 20 colpi, 15 dei quali sarebbero andati a segno.

Gli esecutori materiali dell’omicidio hanno aspettato che la Marcello Bruzzese parcheggiasse l’auto in garage, sparandogli contro a ripetizione senza dargli scampo. Poi sono fuggiti sempre a piedi facendo perdere le proprie tracce tra le vie del centro storico.

Sono stati gli abitanti di via Bovio, dove è avvenuto l’agguato, ad avvisare le forze dell’ordine: sul posto sono al lavoro i sostituti della procura di Pesaro, Alfredo Narboni e Maria Letizia Fucci, e la Dda di Ancona, una presenza che confermerebbe la matrice mafiosa dell’agguato.

Un omicidio, quello avvenuto a Pesaro, che fa presagire una vendetta dei clan della Piana di Gioia Tauro, che proprio Girolamo Biagio Bruzzese aveva permesso di disarticolare, contribuendo a fornire legami tra ‘Ndrangheta e istituzioni. Il fratello Marcello, riferiscono gli investigatori antimafia, era già sfuggito a un agguato oltre 20 anni fa.

 

Related posts