Tutte 728×90
Tutte 728×90

Avvocato minacciato da un uomo imputato per omicidio

Avvocato minacciato da un uomo imputato per omicidio

Il grave episodio è avvenuto nei giorni scorsi al termine di un’udienza in Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro.

La notizia è stata pubblicata dalla Gazzetta del Sud nella sua edizione cartacea, che ha raccontato come l’avvocato Riccardo Rosa del foro di Castrovillari sia stato minacciato in Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro dall’imputato Alex Orfei, condannato in primo e secondo grado, per la morte di Werner De Bianchi. I familiari della vittima sono difesi proprio dal penalista cosentino.

La ricostruzione dei fatti

Alex Orfei, a cui i giudici di secondo grado avevano ridotto la condanna da 15 anni e 6 mesi a 11 anni e 6 mesi di carcere, avrebbe minacciato l’avvocato Rosa, profferendo la seguente frase: «Salutami Santiago», nome del primogenito dell’avvocato di Castrovillari, il quale turbato da quanto avvenuto richiama l’attenzione dei carabinieri presenti in tribunale e ferma l’imputato che davanti ai militari dell’Arma non ripete quella frase. Se ne sarebbe andato via, però, facendo un gesto con la bocca e con «movenze minatorie».

L’avvocato Rosa si è rivolto quindi al sostituto procuratore generale presente in udienza, al quale racconta il grave episodio. I carabinieri di Catanzaro, infine, mandano una comunicazione ai colleghi di Castrovillari che piantonano fino a sera l’abitazione del giovane avvocato.

«E’ stato un momento terribile – ha dichiarato Rosa alla Gazzetta del Sud – anche perché ritengo di essermi sempre comportato con la massima tranquillità e correttezza nelle fasi processuali. Il riferimento a mio figlio è stata una grande e grave vigliaccata». 

Related posts