Tutte 728×90
Tutte 728×90

Braglia: «Non è un miracolo. E’ una vittoria nelle corde del Cosenza»

Braglia: «Non è un miracolo. E’ una vittoria nelle corde del Cosenza»

Piero Braglia dopo Cosenza-Cremonese prende posizione sul Daspo: «Non è giusto diffidare un intero pullman. La gara? Grande partita nostra».

Non parlategli di miracolo, perché in settimana Piero Braglia ha lavorato e sudato le sette camicie affinché il Cosenza portasse a casa tre punti contro la Cremonese. «E’ nelle nostre corde centrare successi del genere, nulla arriva per caso – ha detto dai microfoni di Jonica Radio – Io sono del parere che la vittoria sia meritata e che tutti quanti abbiano fatto un match molto molto positivo».

La posizione sul Daspo di gruppo

Già nella conferenza di sabato Braglia si era esposto in prima persona, dimostrando sempre di più di essere l’hombre del partido di casa Cosenza. «Giocare senza i nostri tifosi non è una cosa bella, mi è dispiaciuto non vederli sugli spalti. Io nel mio piccolo mi sono assunto responsabilità che non mi toccavano perché se dai il Daspo ad un intero pullman non va bene».

Cremonese ko grazie al collettivo

«Mi aspettavo che la Cremonese calciasse molte volte in porta – chiude Braglia – invece oggi non lo ha fatto praticamente mai. I nostri avversari sono una squadra fisica, che per la rosa che si ritrova fa davvero paura. Abbiamo cercato la vittoria a tutti i costi ed è arrivata grazie ad una prestazione gagliarda da parte di tutti. Bruccini, Sciaudone e Palmiero hanno fatto una grande partita. Non c’è uno che ha fatto peggio. Degli infortunati non so ancora nulla di preciso, dovremo valutare nei prossimi giorni. Presumo che Embalo abbia avuto uno stiramento».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it