Tutte 728×90
Tutte 728×90

Bianca Rende a Occhiuto: «Progetti condivisi? Semmai autoritari»

Bianca Rende a Occhiuto: «Progetti condivisi? Semmai autoritari»

Lo afferma la consigliera comunale del Partito Democratico Bianca Rende, oggi capolista per il collegio di Cosenza 3, a sostegno della mozione Martina.

«Nel suo discorso durante la riunione Anci sui beni comuni, che ha voluto rilanciare sui media locali, il sindaco Mario Occhiuto ha affermato che a Cosenza sono stati realizzati progetti condivisi, lasciando intendere che la sua sia una gestione collegiale e partecipata della cosa pubblica» dichiara Bianca Rende.

Le altre dichiarazioni di Bianca Rende

«Sono favole che il sindaco può raccontare, senza temere il contraddittorio, solo quando è lontano da qui, dove invece tutti sanno che le decisioni vengono prese in maniera unilaterale e senza alcuna condivisione, ignorando le richieste e persino i suggerimenti dei cittadini e del Consiglio comunale». E ancora: «Quasi superfluo ricordare quanto penalizzante per i cittadini e i commercianti sia stata la scelta di stravolgere la viabilità cittadina attraverso il cambio dei sensi di marcia, l’istituzione di zone a traffico limitato e soprattutto la chiusura di Viale Parco. Tutto senza alcuna concertazione, né adozione in Consiglio di una pianificazione adeguata (Ptu/Pums)».

«Se c’è stata una gestione condivisa dei beni, così come Occhiuto ha sostenuto nell’incontro dell’Anci, qui nessuno se n’è accorto – prosegue Bianca Rende – e anzi cogliamo l’occasione per chiedergli di implementare il regolamento che è stato votato anche dalla minoranza e che non ha visto poi nessuna attuazione sul piano concreto» conclude la nota della consigliare comunale del Pd.

Cosa aveva detto Occhiuto alla Camera dei Deputati?

«A Cosenza, abbiamo per esempio realizzato progetti condivisi affidando consistenti aree comunali per orti urbani solidali a persone avanti con l’età, e avviato progetti di autorecupero e di gestione di spazi comunali destinandoli ad attività sociali e culturali» aveva detto in Parlamento il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto. E che «abbiamo inaugurato una stagione di grandi opere pubbliche innovative e di qualità architettonica, utili a rafforzare l’orgoglio di appartenenza dei cittadini nonché l’identità e la riconoscibilità del territorio» tra le varie cose elencate dal sindaco alla Camera dei Deputati.

Related posts