Tutte 728×90
Tutte 728×90

Morrone, il rammarico di Stranges: “Non si può perdere dopo aver creato così tanto”

Morrone, il rammarico di Stranges: “Non si può perdere dopo aver creato così tanto”

La sconfitta della Morrone in casa del Sambiase ha indirizzato verso i giallorossi la prima piazza della classifica, distante ormai 10 punti per gli uomini di Stranges. Il tecnico, tuttavia, rilancia in ottica playoff e non si abbatte.

«Ripartiamo con nuovi obiettivi – dice – Siamo tutti consapevoli che dobbiamo ritrovare l’entusiasmo delle prime giornate di campionato e renderci conto che questa squadra sta disputando un campionato fantastico. E’ chiaro che il rammarico è tanto, ma nulla è perduto».

La Morrone è uscita a testa alta dal big-match, su cui pesa come un macigno la decisione dell’arbitro di mandare anzitempo sotto la doccia Scarnato. «La partita è stata affrontata bene e con lo spirito propositivo che ci contraddistingue – aggiunge – Noi cerchiamo sempre di fare la partita e abbiamo dimostrato di non essere inferiori a nessuno. La risposta è stata quella che mi aspettavo e sono contento, anzi fino all’espulsione sono del parere che la Morrone abbia fatto qualcosa in più. Quel cartellino rosso ha cambiato le carte in tavola».

Stranges entra nel dettaglio della gara e guarda al futuro. «Alla squadra ho detto che dobbiamo ripartire dalle certezze acquisite ed essere più cinici perché sprechiamo troppo. C’è un dato che non mi va bene e basta guardare il primo tempo di Sambiase-Morrone per rendersene conto. Abbiamo avuto sei nitide palle-gol ed abbiamo chiuso il primo tempo sullo 0-0. La lezione da imparare è che non si può perdere dopo aver creato così tante occasioni. Era già accaduto con la Vigor e nelle due gare con lo Schiavonea: inutile giocare meglio se poi non si strappa l’intera posta in palio».

Sabato la Morrone ospiterà il Cassano e Stranges dovrà fare i conti le pesanti squalifiche di Ferraro e Scarnato. «E’ una sfida da vincere a tutti i costi – chiude – Tocca a noi scovare degli stimoli nuovi, l’impegno che ci riserva il calendario può però essere la scintilla giusta sebbene non sia per nulla agevole».

 

Related posts