Tutte 728×90
Tutte 728×90

Palmiero e Ricci, ecco il confronto degli anti-Tonali della Serie B

Palmiero e Ricci, ecco il confronto degli anti-Tonali della Serie B

Palmiero e Ricci sono tra i migliori playmaker della categoria e in estate non solo Tonali avrà mercato. Cosenza-Spezia sarà anche questo.

È una sfida che manca dal 2013, quando i due giocavano nelle rispettive Primavere incantando il mondo del calcio giovanile, e si riproporrà domenica per la prima volta dopo oltre sei anni. Matteo Ricci e Luca Palmiero stanno per spiccare il volo verso il calcio che conta e torneranno a guardarsi negli occhi per una sfida d’importanza cruciale: per il cosentino la salvezza è un obiettivo ormai vicino, per il bianconero invece i play-off sono l’obbligo stagionale da non fallire.

Carriera sulle montagne russe

Destino curioso quello dei due centrocampisti: dopo lo scontro del gennaio 2013 quello più grande dei due, Ricci, è migrato per lidi professionisti sotto il controllo della Roma, passando da Grosseto, Carpi (in Serie A), Pistoiese e Pisa, dove trova la consacrazione con la conquista della cadetteria a seguito della vittoria nei play-off; l’altro. Palmiero, dopo altre due stagioni in Primavera inizia il percorso che lo porterà a farsi le ossa fra Paganese ed Akragas , prima di provare anche lui le lacrime dei play-off vinti, stavolta a Cosenza. Un percorso simile, forse più tortuoso e saliscendi quello di Ricci, ma comunque il ritorno di una sfida che terrà incollati tanti spettatori a Dazn.

Gli anti-Tonali della Serie B

Di solito ad un mediano viene chiesto di fare legna, di proporre il gioco nel caso dei due playmaker. Insomma, figure simili a degli anti-eroi. Anzi, considerato il risalto dato di recente al talento del Brescia, Palmiero e Ricci sono degli anti-Tonali. Tutti e tre in estate avranno grande mercato, del resto la geometria non è un’opinione. O era la matematica? (Francesco Pellicori)

Related posts