Tutte 728×90
Tutte 728×90

Nuovo ospedale, Italia in Comune: «Si discuta del bene dei cittadini»

Nuovo ospedale, Italia in Comune: «Si discuta del bene dei cittadini»

Critiche allo scontro politico in atto: «La salute non può diventare oggetto di propaganda elettorale»

La questione del nuovo ospedale di Cosenza si arricchisce ogni giorno di nuovi contributi. A dire la sua è anche Italia in Comune, che commenta il dibattito politico scatenatosi attorno alla realizzazione di quest’opera: «Dapprima la diatriba tra il sindaco di Cosenza ed il governatore della Calabria, ai quali negli ultimi tempi si sono aggiunte le parole di diversi candidati a sindaco di Rende che ne hanno fatto un caposaldo dei propri programmi elettorali declassando di fatto un argomento così importante per l’intera provincia di Cosenza ad un mero oggetto propagandistico utile per le prossime tornate elettorali».

Tutti, però, sottolinea Italia in Comune, hanno speso un «profluvio di parole» riguardo all’ubicazione della struttura «“dimenticando” di discutere sull’organizzazione dei servizi erogati o sulla carenza di strumentazione, elementi fondamentali per un adeguato standard dei livelli di cura forniti dal SSN».

«Focus solo sull’ubicazione»

«Da quasi due anni – si argomenta – oramai il “focus” del tema è relativo alla sola posizione, incuranti del fatto che nel mentre gli iter burocratici, amministrativi e tecnici seguiranno la propria strada, la vita delle persone continuerà a necessitare di cure mediche, che a meno di cambiamenti dell’ultima ora, vengono e verranno effettuate attraverso un personale medico e paramedico costantemente sottodimensionato, impossibilitato a lavorare nelle migliori condizioni possibili e con le strumentazioni necessarie troppo spesso di “vecchia generazione” o non funzionanti».

«Il diritto alla salute – prosegue Italia in Comune – non deve essere né negato né goduto a mezzo servizio, ma soprattutto è necessario che la politica venga fatta in maniera propositiva e volta a rispondere alle esigenze della popolazione ed in taluni casi abbandonare qualsivoglia contrasto per convergere verso un obiettivo non solo comune ma soprattutto dal significato importante».

«Basta slogan»

E propone: «Iniziamo a discutere su come le istituzioni e la politica possano operare ed essere facilitatori affinché oltre al danno non ci sia la beffa, affinché ogni azione sia pensata nel rispetto della dignità del pazienti, del loro disagio e della loro sofferenza senza mai dimenticare chi, circondato dalla stessa, lavora e presta un servizio fondamentale e imprescindibile. Gli slogan non servono più».

Related posts