Cosenza Berretti

Guarascio cambia: per il Cosenza Primavera costi ottimizzati e baby locali

Per il Cosenza Primavera il patron Guarascio ha dettato le linee guida. Meno giovani provenienti da fuori regione, più scouting in Calabria

Rispetto ad un anno fa Guarascio ha dato le sue indicazioni: vorrebbe un cambiamento. Per la selezione Primavera del Cosenza auspica spese più contenute e calciatori provenienti da fuori regione (se possibile) ridotti al minimo per ottimizzare i costi su vitto e alloggio. Sono queste le direttive fornite dal presidente al nuovo responsabile del settore giovanile Mezzina e agli osservatori rossoblù.

L’esperienza di un anno fa

Il salto in Serie B e i ritardi cronici con cui il patron “pesa” ogni spesa, dodici mesi fa imposero di allestire una formazione Primavera a luglio inoltrato. Senza un responsabile del vivaio operativo, perché sulla carta era De Poli, toccò a De Angelis fare del suo meglio. Il tecnico sfruttò qualche suo contatto, consapevole del fatto che i profili migliori da tempo si erano accasati altrove. Arrivarono ragazzi da Bari, dalla Campania e dalla Sicilia. La ciliegina fu Mascari, acquisito dal Messina pagando il cartellino. Tra decine di infortuni e altre difficoltà logistiche il Cosenza è arrivato ultimo in campionato, facendosi però apprezzare in Coppa Italia. Superato dall’Inter in Coppa Italia, abbandonò la competizione nei Quarti di Finale tra gli applausi.

Il nuovo regolamento per la Primavera 2

Il Cosenza, che ancora non ha scelto il tecnico, parteciperà nuovamente alla Primavera 2 per la quale sono state annunciate diverse novità. In sostanza la metà delle formazioni partecipanti disputerà i playoff per animare la fase finale del torneo. Il campionato che prenderà il via il 14 settembre per poi concludersi il 4 Aprile, rispetterà le soste delle nazionali. I playoff saranno orientati sul modello di quanto accade in Serie BKT con le seconde e le terze classificate che entreranno in scena dopo un primo turno preliminare che disputeranno le squadre dal quarto al settimo posto. Quindi aumenta il numero di squadre coinvolte nella lotta per la terza promozione nella Primavera 1 (da quattro a sei per ogni girone) con un sistema di incroci tra i due raggruppamenti che migliora la competitività del torneo. Per quanto riguarda i fuoriquota, l’orientamento è lasciare invariato il numero e mantenere un massimo di tre per squadra, come accaduto nella scorsa stagione. (a. c.)

Mostra altro

Antonio Clausi

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2010 ha lavorato fin dal 2007 presso le redazioni de “La Provincia Cosentina”, di “Calabria Ora”, di “Cronache del Garantista” di cui coordinava i servizi per la Calabria, e del “Quotidiano del Sud”. Dal 2008, inoltre, collabora attivamente con CosenzaChannel.it. Spesso ospite di talk-show televisivi e radiofonici, ha come hobby i 33 giri e la musica.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina