Tutte 728×90
Tutte 728×90

FlixBus investe sulla Calabria per l’estate

FlixBus investe sulla Calabria per l’estate

In linea con la volontà di livellare i divari evidenziati e promuovere il patrimonio culturale locale, FlixBus predispone, per tutta l’estate, un massiccio potenziamento delle frequenze sulle rotte verso il Sud.

Dalle colline del Sannio nel Beneventano ai Monti Iblei in Sicilia, passando per la Valle d’Itria in Puglia e il Parco del Pollino, tra Basilicata e Calabria, il leader europeo della mobilità su gomma incrementa la sua offerta. Nell’ambito di tale potenziamento, un focus importante è sulla Calabria, che FlixBus collega già capillarmente.

Dall’Alto Tirreno Cosentino allo Stretto, tutti i potenziamenti per l’estate sulle linee per la Calabria

Nell’ambito del potenziamento delle rotte verso il Sud Italia, anche la Calabria giova significativamente di un incremento complessivo degli autobus su strada verso il territorio.

Fino a settembre, oltre alla frequenza sulle connessioni con le principali città, quali Reggio CalabriaCatanzaro, Lamezia TermeCosenzaCrotoneRende eVibo Valentia, vengono potenziate le rotte per il versante tirrenico, dove FlixBus collega capillarmente il tratto compreso tra Tortora e Villa San Giovanni(passando, fra le altre, per ScaleaAmanteaPaolaPizzo e Gioia Tauro) e quelle per il versante ionico, dove l’operatore raggiunge oltre 20 destinazioni daRocca Imperiale a Catanzaro Lido, passando, per esempio, da TrebisacceRossanoSibariCariatiCirò MarinaBotricello e Sellia Marina.

Ma anche l’entroterra viene collegato in modo capillare: da Castrovillari, nel Parco Nazionale del Pollino, a Polistena, nella Piana di Gioia, passando perSpezzano della Sila, anche gli angoli tradizionalmente meno gettonati della Punta dello Stivale sono ora più facilmente raggiungibili dalle altre regioni italiane e, con uno o pochi cambi, anche dall’estero.  

È soprattutto sulle relazioni tra Roma e la Calabria che FlixBus sceglie di scommettere per l’estate 2019, anche a fronte dello status della capitale di snodo nevralgico di interscambio all’interno del suo network, in grado di intercettare i flussi di visitatori in arrivo anche dall’estero e contribuire a consacrare la Punta dello Stivale come meta preferenziale del turismo internazionale.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it