Dall' ItaliaIn evidenza home

Carabiniere ucciso a Roma. Confessa il 19enne americano. «Sono stato io»

Carabiniere ucciso a Roma. Confessa il 19enne americano. «Sono stato io». Cerciello ammazzato con otto coltellate.

Un vicebrigadiere dell’Arma dei carabinieri, Mario Cerciello Rega, 35 anni, è morto nella notte dopo essere stato accoltellato da un americano che stava per arrestare con l’accusa di aver rubato la borsa di una signora, nel quartiere Prati di Roma. Il presunto assassino voleva 100 euro per restituire il bottino, poi le otto coltellate fatali. L’uomo era originario della Campania e si era sposato da poco. I tentativi di rianimarlo sono risultati vani.

I due 19enni americani fermati dai carabinieri. Il ragazzo a destra ha confessato

Il Nucleo Investigativo di Roma ha individuato quattro ragazzi, sospettati di aver ucciso il carabiniere campano, ma alla fine il cerchio si è stretto su due soggetti di nazionalità americana, entrambi 19enni, che sono stati fermati dai carabinieri con l’accusa di aver ucciso il vicebrigadiere di Somma Vesuviana. In serata, si è appreso che uno dei due (nella foto in alto con i capelli mesciati) ha confessato il delitto: «L’ho ucciso io».

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo per la cronaca giudiziaria nel Distretto di Catanzaro. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina