Giudiziaria

Mongrassano, condannato l'uomo accusato di istigazione alla prostituzione

Mongrassano, condannato l’uomo accusato di istigazione e sfruttamento della prostituzione. La sentenza arriva dal tribunale di Velletri.

La storia giudiziaria dell’uomo di Mongrassano, Emilio Lento, accusato di istigazione e sfruttamento della prostituzione giunge al termine, almeno per quanto riguarda il processo di primo grado. Di recente, infatti, il tribunale collegiale di Velletri ha emesso la sentenza su richiesta della procura contro l’uomo originario della provincia di Cosenza e anche nei confronti della mamma. Sulla base degli elementi raccolti nel corso dell’istruttoria dibattimentale, i giudici hanno condannato entrambi gli imputati.

LA RICOSTRUZIONE DELLE INDAGINI PRELIMINARI

La nota positiva, rispetto alla pena e alle richieste avanzate dalla pubblica accusa, è che il tribunale ha concesso le attenuanti generiche alla signora anziana, condannandola a un anno e un mese di carcere (pena sospesa e non menzione. Invece, il figlio della donna ha subito una condanna a 4 anni di reclusione più il pagamento di una multa di 4mila euro. La procura aveva chiesto tuttavia 5 anni e 8 mesi per la Dardis, mentre per Emilio Lento la giusta pena, secondo i pm, era di 6 anni e 8 mesi. L’imputato, attualmente, è sottoposto all’obbligo di firma due volte a settimana dinanzi alla polizia giudiziaria. La difesa, rappresentata dall’avvocato Antonio Ingrosso, preannuncia ricorso in appello una volta che saranno depositate le motivazioni. (a. a.)

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo per la cronaca giudiziaria nel Distretto di Catanzaro. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina